Terrore al supermercato: tutti a terra

CEGLIE MESSAPICA - Non si sono curati nemmeno della donna al quinto mese di gravidanza, i due rapinatori che intorno alle 19,15 di oggi hanno fatto irruzione nel supermercato Dok (ex Gs) di via Emilio Notte a Ceglie Messapica e armati di fucile a canne mozze hanno portato via l'incasso della serata dopo aver fatto stendere tutti i presenti a faccia a terra. Sono fuggiti via insieme a un terzo complice che li attendeva all'esterno e di essi, al momento, non c'è nessuna traccia nonostante i carabinieri della locale stazione, al comando del maresciallo Sante Convertini si siano precipitati sul posto avviando immediatamente le ricerche.

Ricerche da parte dei carabinieri

CEGLIE MESSAPICA - Non si sono curati nemmeno della donna al quinto mese di gravidanza, i due rapinatori che intorno alle 19,15 di oggi hanno fatto irruzione nel supermercato Dok (ex Gs) di via Emilio Notte a Ceglie Messapica e armati di fucile a canne mozze hanno portato via l'incasso della serata dopo aver fatto stendere tutti i presenti a faccia a terra. Sono fuggiti via insieme a un terzo complice che li attendeva all'esterno e di essi, al momento, non c'è nessuna traccia nonostante i carabinieri della locale stazione, al comando del maresciallo Sante Convertini si siano precipitati sul posto avviando immediatamente le ricerche.

Una vera e propria scena da far west. Il supermercato era pieno di gente, donne, bambini, anziani e famiglie intenti a fare la spesa per il cenone di fine anno, quando all'improvviso due individui con il volto coperto da passamontagna hanno fatto irruzione nel market facendosi strada tra i carrelli ricolmi e annunciando che si trattava di una rapina. Hanno puntato contro i presenti i fucili a canne mozzate che entrambi impugnavano e hanno fatto stendere faccia terra tutti coloro che c'erano nel supermercato. Anche una giovane donna al quinto mese di gravidanza ha dovuto adagiarsi sul pavimento e poggiare il viso sulle gelide piastrelle.

I banditi, poi, hanno arraffato tutto il denaro presente nelle casse e si sono dileguati. Una dipendente è stata colta da malore ed è svenuta. Nel supermercato, insieme ai carabinieri è arrivata un'ambulanza del 118 che ha prestato le cure del caso alla futura mamma e a tutti coloro che sono stati colti da crisi di panico. Fortunatamente per tutti si è trattato solo di tanta paura, per nessuno si è reso necessario il ricovero in ospedale.

L'intera scena della rapina è stata registrata dal sistema di video sorveglianza di cui è dotato il supermercato e i fotogrammi sono già nelle mani degli investigatori. Non si esclude che si tratti della stessa banda che mercoledì scorso ha messo a segno una rapina, con lo stesso modus operandi, al supermercato Dok di Squinzano, in provincia di Lecce ma al confine con il territorio brindisino. In quel caso i banditi sarebbero fuggiti con una Lancia Thema. Ma anche al Dok, come nella rapina del 24 dicembre, sempre a Ceglie, al mini-casinò i banditi secondo alcuni testi sembrava avessero un accento straniero.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento