Condanna per la compagnia telefonica

BRINDISI - Ha atteso il trasferimento della linea telefonica per 268 giorni, i giudice di pace ha condannato il gestore delle linea a pagare un indennizzo di 770 euro. È accaduto ad un associato della Confconsumatori, che si è rivolto all'associazione per chiedere aiuto.

Emilio Graziuso

BRINDISI - Ha atteso il trasferimento della linea telefonica per 268 giorni, i giudice di pace ha condannato il gestore delle linea a pagare un indennizzo di 770 euro. È accaduto ad un associato della Confconsumatori, che si è rivolto all'associazione per chiedere aiuto.

«Il rapporto tra utenti e gestori di telefonia, fissa e mobile, è spesso conflittuale», dice l'avvocato Emilio Graziuso (componente del Direttivo Nazionale della Confconsumatori), «e ogni giorno riceviamo numerose segnalazioni da parte di utenti che hanno subito  inadempimenti contrattuali di varia natura da parte di compagnie telefoniche».

Il caso recentemente risolto è quello di un brindisino che dopo aver traslocato ha dovuto attendere quasi un anno per il trasferimento della propria utenza telefonica. I numerosi reclami inoltrati al gestore sono sempre risultati vani, così come infruttuoso si è rivelato il tentativo di conciliazione volto a cercare di dirimere bonariamente la controversia.

Solo attraverso l’instaurazione di un processo dinnanzi al Giudice di Pace, l’utente ha, finalmente, ottenuto giustizia. Allo stesso, infatti, è stato riconosciuto un indennizzo pari a 770 euro.

«La sentenza ottenuta dal nostro associato statuisce un importante principio secondo il quale, a fronte del mancato trasloco dell’utenza al nuovo domicilio dopo un certo lasso di tempo, il consumatore può recedere dal contratto per inadempimento della società telefonica. Su quest’ultima, infatti, grava l’onere di procedere con l’operazione nel termine fissato nella propria Carta dei Servizi. Inoltre l’utente, in caso di ritardo, salvo la prova del maggior danno, ha diritto almeno all’indennizzo contrattualmente fissato dal gestore telefonico per ogni giorno di ritardo».

Dato il numero elevato di richieste di chiarimento che ogni giorno pervengono alla Confconsumatori-Brindisi in materia di controversie tra utenti e gestori telefonici, l’Associazione ha dedicato una apposita sezione del proprio sito internet www.confconsumatoribrindisi.it a tale problematica. Per maggiori informazioni 3470628721.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento