Nascondeva nel seminterrato un'anfora d'epoca romana: denunciato

Il reperto era contenuto all’interno di una scatola di cartone. Il proprietario non è stato in grado di certificarne la provenienza

SAN DONACI – Nascondeva un’anfora di terracotta d’epoca romana nel seminterrato della sua abitazione. Un 58enne residente a San Donaci è stato denunciato per il reato di ricettazione e di violazione alla normativa sui beni di interesse artistico. La scoperta è stata fatta dai carabinieri della locale stazione, a seguito di un sopralluogo. 

Il manufatto, in discreto stato di conservazione, ha dimensioni di 100 cm nella parte più ampia e un’altezza di 80 cm. Il reperto era contenuto all’interno di una scatola di cartone e risulta mancante di una delle maniglie poste ai lati, nonché di parte della bocca superiore. In relazione alla provenienza del reperto, il possessore non ha prodotto alcuna documentazione probatoria certificante la provenienza e il possesso.

Da una sommaria valutazione, considerata la presenza di tracce fossili superficiali, l’anfora rientra  nei beni archeologici marini.  E’ stata sottoposta a sequestro per gli ulteriori approfondimenti specialistici da parte dei militari dell’Arma della Sezione Archeologia del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale di Bari.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento