Trovato con quasi cento grammi di eroina, arrestato dalla polizia

Nuova irruzione della polizia nella villetta di contrada Cantrapa a Ostuni appartenente alla famiglia Lanzillotti dove nel novembre del 2013 fu sgominato un grosso giro di spaccio gestito da Vito Pietro Lanzillotti che fu arrestato. Lunedì sera a finire in manette perché coinvolto nella stessa vicenda il fratello Damiano

OSTUNI – Nuova irruzione della polizia nella villetta di contrada Cantrapa a Ostuni appartenente alla famiglia Lanzillotti dove nel novembre del 2013 fu sgominato un grosso giro di spaccio gestito da Vito Pietro Lanzillotti che fu arrestato. Lunedì sera a finire in manette perché coinvolto nella stessa vicenda il fratello Damiano, 38 anni. Anche lui, da quanto hanno accertato i poliziotti del commissariato di polizia della Città Bianca, diretto dal vicequestore Francesco Angiuli, aveva trasformato il casolare di famiglia in un laboratorio per la produzione di eroina (il fratello Vito Pietro si occupava prevalentemente di marijuana e hashish). Gli agenti ne hanno trovata circa 90 grammi oltre che a materiale per la pesatura e confezionamento e la lista degli acquirenti.

L’operazione che poi si è conclusa con l’arresto del 38enne è stata avviata proprio due anni fa dopo la cattura del fratello. I poliziotti del damiano lanzillotti-2commissariato di Ostuni, hanno sempre tenuto sotto controllo quella masseria sperduta nelle campagne di contrada Catrapa perchè il via vai di soggetti noti come assuntori di stupefacenti non si sarebbe mai fermato definitivamente, nonostante l'arresto di chi lo aveva occupato fino a quel momento. È così che è sorto il dubbio che quel casolare era ancora utilizzato per spacciare sostanza stupefacente. Nel tempo è stato accertato che a prendere le redini dell’attività di Vito Pietro Lanzillotti era stato il fratello Damiano. I poliziotti sono entrati in azione lunedì sera quando sono stati certi che avrebbero trovato ciò che cercavano. Il 38enne era in compagnia della moglie e del figlioletto quando è stato fermato dalla polizia: era a piedi e passeggiava nei pressi della tenuta, alla vista degli uomini in divisa si è dato alla fuga gettando un involucro nelle campagne che è stato recuperato. Conteneva eroina bianca di altissima qualità. Dalle successive perquisizioni è emerso che la droga veniva confezionata in una parte della masseria sorvegliata da cani di grossa taglia. C’era materiale per il taglio e confezionamento e bilancini. Nella villetta dove vive insieme alla famiglia, situata nel centro storico di Ostuni sono stati trovati altri bilancini e circa 300 euro in contanti. Damiano Lanzillotti è stato arrestato e trasferito in carcere. L’attività degli agenti del commissariato della Città Bianca, invece, prosegue. Si ritiene, infatti, che  vi siano altri soggetti coinvolti nel giro di spaccio operato da Lanzillotti. 

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

  • Minorenni in coma etilico: controlli e multe a locali sulla costa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento