Falso addetto al calcolo della Tari e truffa online: due denunce

Un uomo preleva 6mila euro dai conti di due pensionate dopo essersi impossessato dei codici dei rispettivi bancoposta

Due persone sono state denunciate a piede libero per il reato di truffa nell’ambito di due diverse indagini condotte dai carabinieri del comando provinciale di Brindisi. 

A Fasano, i carabinieri della locale stazione hanno denunciato un uomo originario del Napoletano che nel novembre 2018, qualificandosi quale addetto del Comune per il calcolo della Tari, si introdusse nelle abitazioni di una 77enne ed una 79enne, riuscendo a impossessarsi della loro carta bancoposta con il relativo codice, per poi prelevare la somma di 4.300 euro a danno dell’una e di 1960 euro a danno dell’altra.

I carabinieri della stazione di Villa Castelli, invece, hanno denunciato un 52enne ed un 28enne, entrambi di Gioiosa Jonica (Reggio Calabria), a seguito di attività di indagine scaturita da una querela sporta, il 30 luglio 2019, da un uomo del posto. 

I due commercianti, dopo avere venduto una Fiat 500 attraverso un sito internet denominato “Autoscout24”, previa trattativa telefonica avuta con l’acquirente, incassarono la somma di 2.800 euro, versata con bonifico su conto corrente, senza mai consegnare l’autovettura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Bimba nata morta all’ospedale Perrino”: denuncia dei genitori

  • Trovato senza vita: sospetta overdose, pm dispone autopsia

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Maltempo: scuole chiuse a Brindisi a in altri Comuni della provincia

  • Incidente sulla provinciale, auto si schianta contro albero: grave un giovane

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento