In cella dopo aggressione al fratello. Due denunce per caso di stalking

Nella prima vicenda, anche minacce alla madre. Nel secondo coinvolti zio e nipote

VILLA CASTELLI – Un arresto per maltrattamenti in famiglia e due denunce per atti persecutori e danneggiamento a  Villa Castelli, nel corso di due distinti servizi dei carabinieri della stazione locale. Nel primo caso, sono intervenuti anche i militari del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Francavilla Fontana.

La prima vicenda prende le mosse da una richiesta di intervento pervenuta all’Arma dopo una aggressione fisica di un uomo da parte del fratello di 45 anni, il quale dopo il fatto si era allontanato dall’abitazione dove la vittima convive con la madre di entrambi. Ma i militari poco dopo hanno rintracciato in una via del centro di Villa Castelli l’autore dell’episodio di violenza, arrestandolo.

E’ stato successivamente accertato con una rapida indagine che il fatto non rappresentava un evento isolato, ma che vi erano stati in precedenza anche ripetuti danneggiamenti di suppellettili e minacce di morte da parte del 45enne rivolte al fratello e alla anziana madre. L'arrestato, dopo le formalità di rito, è stato perciò condotto su disposizione del pm di turno al carcere di Brindisi.

I carabinieri della stazione di Villa Castelli, inoltre, hanno portato a conclusione una indagine avviata dopo una querela presentata il 30 novembre 2017 da una cittadina romena residente a Villa Castelli, ed hanno  deferito a piede libero un uomo di 65 anni e la nipote 21enne convivente di quest’ultimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attività investigativa ha permesso di accertare che l'uomo, al termine di una relazione sentimentale con l’autrice della denuncia, con ripetute azioni messe in atto da aprile a novembre dell’anno in corso, l’ha minacciato e molestata, mentre la nipote il 29 settembre 2017, per futili motivi, ha danneggiato il telefono cellulare della parte lesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • Si accascia in spiaggia e muore, tragica domenica per un anziano francavillese

  • Alle rapine con la mamma: colpi ai distributori, quattro arresti

  • Spesa vip per lo scrittore e conduttore Fabio Volo, in relax nei trulli

  • Moto fuori controllo sulla provinciale: un giovane perde la vita

  • I 100 anni di Giovanni Saracino: ha combattuto la seconda guerra mondiale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento