Urto nel sottopasso, migliora 14enne

SAN PIETRO VERNOTICO – Migliorano le condizioni del 14enne che giovedì pomeriggio ha battuto la testa contro la volta del sottopasso di via Torchiarolo a San Pietro Vernotico mentre lo attraversava a bordo di una bicicletta condotta da un suo amico. E.M, queste le iniziali dell'infortunato, è ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Perrino di Brindisi con un trauma cranico.

Il sottopasso dell'incidente

SAN PIETRO VERNOTICO – Migliorano le condizioni del 14enne che giovedì pomeriggio ha battuto la testa contro la volta del sottopasso di via Torchiarolo a San Pietro Vernotico mentre lo attraversava a bordo di una bicicletta condotta da un suo amico. E.M, queste le iniziali dell'infortunato, è ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Perrino di Brindisi con un trauma cranico.

Ieri il minorenne ha riconosciuto la sua mamma. I suoi amici, coloro che giovedì pomeriggio erano con lui al momento dell'incidente, non lo lasciano solo. Anche loro hanno vissuto veri e propri momenti di panico. Carmelo C. e Matteo G. non riescono a dimenticare i momenti dell'impatto contro il muretto del sottopasso di via Torchiarolo.

Hanno temuto il peggio. Tornavano da una passeggiata in bicicletta e mai avrebbero immaginato di ritrovarsi con un compagno del gruppo in condizioni gravi a terra. E.M era in piedi sul copriruota posteriore della bici guidata da un suo amico quando in un momento di distrazione ha battuto la testa contro un muretto che sporge dal soffitto della galleria. È finito sull'asfalto agonizzante.

“Quando il nostro amico è caduto a terra in una pozza di sangue e quasi incosciente abbiamo subito capito che le sue condizioni erano molto gravi – raccontano i due ragazzini – abbiamo subito chiamato il 118 ma quando ci siamo resi conto che l'arrivo dell'ambulanza avrebbe richiesto tempo abbiamo fermato un automobilista di passaggio chiedendo aiuto. Si è subito fermata una coppia di giovani che non ha esitato a caricare in auto il nostro amico e portarlo in ospedale. Noi li abbiamo seguiti in bici”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da li poi la corsa in ambulanza al Perrino di Brindisi dove il 14enne è stato sottoposto a tutti gli esami del caso e ricoverato nel reparto di terapia intensiva di neurochirurgia. In un primo momento si è temuto il peggio, pian piano invece le sue condizioni sono lievemente migliorate. Guarirà in poco più di un mese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento