Va al lavoro, malore lo stronca

BRINDISI - Morire per strada, mentre vai a lavorare, in una città che non è la tua, in un paese che non è il tuo. Per mandare a casa quasi tutto lo stipendio. E' spirato su un marciapiedi di viale Aldo Moro, stamattina attorno alle 6,30, un cittadino rumeno di 50 anni che stava andando a prendere servizio nel cantiere di un parco fotovoltaico nella zona di Restinco. Accanto a lui la sua borsa con gli indumenti di ricambio e la colazione. Quando Ionel Gordon si è afflosciato a terra i primi passanti hanno prima tentato di parlargli, poi hanno chiamato il 118.

Il corpo del cittadino rumeno

BRINDISI - Morire per strada, mentre vai a lavorare, in una città che non è la tua, in un paese che non è il tuo. Per mandare a casa quasi tutto lo stipendio. E' spirato su un marciapiedi di viale Aldo Moro, stamattina attorno alle 6,30, un cittadino rumeno di 50 anni che stava andando a prendere servizio nel cantiere di un parco fotovoltaico nella zona di Restinco. Accanto a lui la sua borsa con gli indumenti di ricambio e la colazione. Quando Ionel Gordon si è afflosciato a terra i primi passanti hanno prima tentato di parlargli, poi hanno chiamato il 118.

Ma l'equipe del servizio di emergenza poco ha potuto fare per quell'uomo massiccio, colpito probabilmente da un attacco cardiaco. Quando i soccorritori hanno constatato il decesso, hanno avvertito la polizia. Sul posto è arrivato un equipaggio della Sezione volanti che ha vigilato il corpo dell'operaio rumeno sino a compimento degli accertamenti di polizia scientifica, e all'ordine di rimozione da parte del pm di turno, Pierpaolo Montinaro. Il sostituto procuratore ha anche deciso di sottoporre la salma di Ionel Gordon ad esame autoptico. Dopo che di il corpo sarà consegnato ai familiari per il rimpatrio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La stessa questura ha provveduto ad avvertore le autorità consolari della Romania, affinchè a loro volta informino la famiglia della vittima. Gli accertamenti condotti rapidamente dal personale della Sezione volanti, diretta dal vicequestore Alberto D'Alessandro, hanno consentito di individuare sia il posto di lavoro dell'operaio deceduto, che l'indirizzo. Abitava a Brindisi non molto lontano dal punto in cui è spirato, via Imperatore Costantino.  Il corpo di Ionel Gordon è rimasto sul marciapiedi sino alle 8, coperto dal foglio isolante lasciato dal 118. Lo hanno visto in centinaia, recandosi a scuola e al lavoro. Era una brava persona, hanno detto i vicini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Dopo le ultime notizie politica durissima con i vertici Asl Brindisi

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento