Venti anni fa l'Onu si insediava a Brindisi: venerdì si celebra l'evento

La base Onu di Brindisi spegnerà domani, 24 ottobre, venti candeline. L'evento, che fra l'altro ricade nella giornata mondiale Onu, verrà celebrato con una serie di iniziative alle quali prenderanno parte anche l'ambasciatore Antonio Bernardini, vice segretario generale del ministero degli Affari Esteri, AnneMarie van de Berg e Dmitri Dovgopoly

I capannoni della base Onu nel porto di Brindisi

BRINDISI – La base Onu di Brindisi spegnerà domani, 24 ottobre, venti candeline. L’evento, che fra l’altro ricade nella giornata mondiale Onu, verrà celebrato con una serie di iniziative alle quali prenderanno parte anche l’ambasciatore  Antonio Bernardini, vice segretario generale del ministero degli Affari Esteri, AnneMarie van de Berg e Dmitri Dovgopoly, alla direzione rispettivamente della Divisione Supporto Logistico e Divisione Acquisti del quartier generale delle Nazioni Unite.

All’interno della Base, su un palco posizionato dove simbolicamente tutto ebbe inizio 20 anni fa, si susseguiranno esibizioni musicali e di danza che vanno dalle note del fisarmonicista Giorgio Albanese, all’esibizione di tango argentino della coppia Natalia Ochoa e Mario Giacomo Sette, all’intervento di musica tradizionale pugliese del gruppo Skaddía. 

Non solo, video, foto ed interventi a sorpresa racconteranno la storia della Base, da quando, nel 1994, venne instituita in supporto della missione Unprofor durante il conflitto nei Balcani. Da allora molto è cambiato e da area di stoccaggio per il materiale di recupero dalle missioni e prima base logistica permanente delle Nazioni Unite è cresciuta fino ad essere riconosciuta quale Centro di Servizi Globale per logistica, amministrazione, telecomunicationi e formazione a sostegno delle missioni di pace dell’Onu in tutto il mondo.
 

Ripercorrendo indietro nel tempo fino al 1994, l’evento sarà quindi occasione per ricordare le origini della base e la sua evoluzione, ma anche per rendere omaggio alla città ed al Paese ospitanti, senza il cui imprescindibile sostegno questa realtà non sarebbe mai stata possibile.
 

L’evento, suddiviso in due parti, avrà inizio alle ore 18.30 all’interno della base e prevederà una prima parte istituzionale, con i saluti delle autorità, e una seconda parte di spettacolo in cui musica, immagini e ritmi da più parti del mondo daranno risalto a ciò che più di ogni altra cosa caratterizza questa Base: più di 70 nazionalità diverse appartenenti alla comunità Onu (composta oltre che dalla Unlb anche dalle agenzie Unicc, Unops ed il Wfp-Unhrd) ed il territorio, la città di Brindisi e la Regione Puglia, a cui è rivolto un particolare ringraziamento per 20 anni di generosa ospitalità.
 
Il direttore del Centro Servizi Globale Nicolas Von Ruben, in qualità di padrone di casa, accoglierà gli ospiti d’onore. All’evento parteciperà anche l’Ordine di Malta Cisom con un’ambulanza e i volontari dell’Ordine.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento