Voli: giornata campale, tra nuvole, cenere e un soccorso speciale

Disagi anche all’aeroporto di Brindisi per gli effetti della nube di cenere vulcanica islandese che da alcuni giorni sta paralizzando i cieli d’Europa. Sono 91 i voli cancellati oggi negli aeroporti della Puglia, pari al 63 per cento del totale, mentre sono 52 i voli confermati: è l'effetto della nube islandese sui collegamenti da e per la regione. Gli scali pugliesi sono rimasti aperti nonostante la sospensione delle tratte con gli aeroporti del Nord Italia e di grande parte dell'Europa. Da Brindisi regolari solo i collegamenti con Roma.

Un'immagine dell'aeroporto di Brindisi

Disagi anche all’aeroporto di Brindisi per gli effetti della nube di cenere vulcanica islandese che da alcuni giorni sta paralizzando i cieli d’Europa. Sono 91 i voli cancellati oggi negli aeroporti della Puglia, pari al 63 per cento del totale, mentre sono 52 i voli confermati: è l'effetto della nube islandese sui collegamenti da e per la regione. Gli scali pugliesi sono rimasti aperti nonostante la sospensione delle tratte con gli aeroporti del Nord Italia e di grande parte dell'Europa. Da Bari si viaggia regolarmente per Roma Fiumicino, per la Sardegna (Alghero, Cagliari), per la Sicilia (Trapani), per la Spagna (Barcellona, Valencia) e per le destinazioni dell'Est Europa (Albania, Romania, Russia). Cancellati tutti i voli per Milano, Torino e per le altre destinazioni del Nord Italia e dell'Europa. Da Brindisi sono regolari solo i collegamenti con Roma mentre dal piccolo scalo di Foggia sono confermati solo i voli da e per le Tremiti, da e per Palermo.

Questa la situazione in dettaglio: Bari, in partenza cancellati 33 voli, confermati 16 e in arrivo cancellati 32 voli, confermati 19; Brindisi, in partenza cancellati 12 voli, confermati 6 e in arrivo cancellati 11 voli, confermati 7; Foggia, in partenza cancellati 2 voli, confermati 2 e in arrivo cancellato 1 volo, confermati 2. Da domani, la situazione dovrebbe progressivamente migliorare. Ingenti, intanto, i riflessi anche sull’economia turistica.

“Da qualunque prospettiva la si guardi - spiega Bartolo D’Amico, direttore del Grand Hotel Masseria Santa Lucia di Ostuni e presidente regionale dell’Associazione Direttori di Albergo di Puglia - è un disastro: da un lato il caos, il disagio sulle spalle dei vacanzieri. Dall’altro il danno, che gli operatori del settore (tour operator e albergatori) stanno patendo, con l’annullamento di viaggi e prenotazioni. E non sappiamo neppure quando questa anomala emergenza potrà cessare”.

La stima dei danni, casse alla mano? “Una tegola da 70.000 euro, sinora, per quanto riguarda il Santa Lucia. Ma è una botta per tutte le strutture ricettive pugliesi, impegnate anche ad offrire supporto logistico ai tantissimi gruppi di turisti stranieri, costretti a rientrare dalle vacanze con mezzi di fortuna, ossia pullman e autonoleggio”. Nonostante la paralisi anomala, da Brindisi oggi è decollata almeno la speranza. È partito dall’aeroporto brindisino, ha aggirato la nube di ceneri vulcaniche, ha fatto tappa a Bergen, in Norvegia, per poi dirigersi a Boston, un volo d'emergenza per il salvataggio di due bambini di 4 e 6 anni gravemente ustionati.

I due piccoli norvegesi sono stati prelevati e trasportati a bordo di un'aeroambulanza della società svizzera di soccorso Rega, che provvisoriamente, a causa della nube di ceneri che paralizza la metà dei cieli europei, ha stazionato a Brindisi due “ali della speranza”. Uno dei due velivoli - ha spiegato la Rega (Guardia aerea svizzera di soccorso) è decollato stamattina da Brindisi diretto a Bergen, per prelevare i due bambini, rimasti gravemente feriti in una violenta esplosione di gas in casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Entrambi rischiano la vita. Hanno riportato ustioni gravissime su tutto il corpo ed il velivolo della Rega ha provveduto al loro trasferimento presso una clinica specializzata a Boston. Il velivolo di soccorso ha raggiunto Bergen sorvolando l'Adriatico, l'Alto Adige e l'est del continente per evitare la nube di cenere. L'operazione - sottolinea la Rega in un comunicato - è stata resa possibile grazie alla tempestiva dislocazione delle due aeroambulanze a Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • Si accascia in spiaggia e muore, tragica domenica per un anziano francavillese

  • Alle rapine con la mamma: colpi ai distributori, quattro arresti

  • Spesa vip per lo scrittore e conduttore Fabio Volo, in relax nei trulli

  • Moto fuori controllo sulla provinciale: un giovane perde la vita

  • I 100 anni di Giovanni Saracino: ha combattuto la seconda guerra mondiale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento