Zuffa per un saluto "poco educato": in un locale interviene la polizia

Separati da un agente fuori servizio un 26enne e un 34enne. Al vaglio le posizioni dei due contendenti e dei rispettivi familiari

MESAGNE - Un saluto “poco educato” è bastato per accendere gli animi sabato scorso (7 settembre) in un locale del centro storico di Mesagne, dove due persone si sono affrontate a suon di pugni. La posizione di entrambi i contendenti è adesso la vagli dei poliziotti del locale commissariato. Si tratta di un 34enne e un 26enne. Il primo avrebbe rivolto un saluto sgarbato al secondo, indispettitosi al punto tale da sferrare un pugno che ha colpito solo di striscio il 34enne. La vittima, dal canto suo, avrebbe reagito con pari veemenza, sferrando un pugno ben assestato che colpiva il suo aggressore. 

Nello stesso locale si trovava un poliziotto libero dal servizio ed in compagnia di familiari ed amici, che accortosi della vicenda e conoscendo direttamente le persone, ha chiamato subito rinforzi ed è intervenuto per dividere le parti. Solo l’aggressore, probabilmente sentendosi gra-vemente offeso, ha continuato nella sua condotta aggressiva, arginata però dal personale della Volante, rapidamente giunta sul posto, e quindi anche da altri familiari intervenuti per dividere contendenti. 

Nel locale è stata riportata la tranquillità in tempi rapidissimi, in particolare per consentire agli altri clienti e ai passanti nella zona la serena prosecuzione della serata. In questo modo è stato altresì consentito all’incolpevole gestore del locale, di svolgere tranquillamente la sua attività economica.

L’aggressore è stato bloccato e, dopo gli accertamenti medici che ne attestavano uno stato di alterazione dovuto ad assunzione di alcool, è stato condotto in commissariato. Stessa sorte è toccata anche alla vittima, la cui versione dei fatti è stata raccolta dalla polizia. Gli agenti stanno valutando anche la posizione di alcuni familiari delle parti presenti sul posto durante tutte le fasi dell’aggressione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento