In provincia di Brindisi quattro stelle Michelin sulle 12 alla Puglia

E due donne chef stellate sulle tre della regione: in gastronomia siamo promossi

Nelle foto sotto, Teresa Galeone e Antonella Ricci

BRINDISI – E’ la provincia di Brindisi quella dove si mangia meglio in Puglia, con quattro delle dodici stelle assegnate alla nostra regione dalla 65ma Guida Michelin Italia (disponibile a partire da giovedì 7 novembre in libreria, mentre dalle 14 di oggi 6 novembre la app Michelin Ristoranti sarà scaricabile gratuitamente per iOS e Android). La guida è stata presentata stamani al Teatro Municipale di Piacenza.

Nessun ristorante della Puglia ha conquistato le due o le tre ambitissime tre stelle della guida gastronomica più famosa del mondo, ma la regione si piazza terza nell’area Sud-Isole dopo Campania – prima in Italia per ristoranti stellati – e la Sicilia. La provincia di Brindisi si aggiudica anche il primato pugliese delle donne chef stellate dalla Guida Michelin, 41 in Italia guidate dalle “tre stelle” Annie Féolde dell’Enoteca Pinchiorri di Firenze e Nadia Santini del ristorante Dal Pescatore di Runate.

Teresa Buongiorno

Chef brindisine insignite di una stella si riconfermano Teresa Galeone Buongiorno del ristorante Già Sotto l’Arco di Carovigno, e Antonella Ricci del ristorante Al Fornello da Ricci di Ceglie Messapica. L’altra delle tre chef pugliesi nella graduatoria italiana è Maria Cicorella del ristorante Pashà di Conversano. Venendo ai quattro ristoranti ai quali la 65ma Guida Michelin ha attribuito una stella, oltre ai due appena citati ci sono anche Cielo di Ostuni e Due Camini di Savelletri.

Antonella Ricci

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli ristoranti pugliesi stellati sono (incluso il già citato Pashà) quello di Angelo Sabatelli a Putignano, Bacco di Barletta, Memorie di Felix Lo basso a Trani, Quintessenza sempre a Trani, Bros’ A Lecce, Casamatta a Manduria e Umami di Andria che tuttavia ha comunicato la chiusura a guida già stampata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Quattro nuovi casi in Puglia, uno in provincia di Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento