Parcheggio a Costa Morena, progetto per 3 milioni: primo passo dell'Asi

Chiesto permesso a costruire al Comune di Brindisi: riqualificazione area antistante il terminal per sosta camion e auto e strade di accesso al porto di Brindisi

BRINDISI – Sette mesi dopo la presentazione alla stampa del progetto per la nuova viabilità nella zona di Costa Morena, l’Asi ha depositato al Comune di Brindisi la richiesta del permesso a costruire per il parcheggio a raso, nella zona antistante il terminal di Costa Morena. Primo passo per la realizzazione delle opere finanziate dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

Il progetto

La sede del Consorzio Asi di BrindisiL’area antistante l’infrastruttura privata risulta destinataria di interventi per due milioni e 785mila euro, nell’ambito dell’Asse Prioritario 3 (Sistema sostenibile dei trasporti) del Programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020, di cooperazione trasfontarliera”. Si tratta di un “progetto di tipo infrastrutturale che intende ammodernare il sistema portuale di Brindisi e di Igoumenitsa, implementando azioni infrastrutturali strategiche per il trasporto marittimo e l'accessibilità ai porti, nonché l'integrazione degli stessi con le aree adiacenti”, si legge nella scheda di presentazione del progetto chiamato Dock-Bi consegnato alla stampa lo scorse mese di febbraio.

La conferenza di servizi

Il Consorzio Asi ha presentato istanza alla ripartizione Assetto del Territorio lo scorso 9 settembre, chiedendo contestualmente la convocazione della conferenza dei servizi, per acquisire tutti i pareri necessari all’approvazione del progetto definitivo”. Sono determinati quelli del Comune, con riferimento ai settori Urbanistica, Lavori Pubblici, Ambiente, Traffico, Patrimonio e Vaps, così come quelli dell’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico meridionale, della Provincia di Brindisi, dell’Autorità di Bacino della Puglia e in particolare del Distretto idrografico dell’Appenino meridionale, della Asl. E ancora della Soprintendenza archeologica delle belle arti e del paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, dell’Arpa, dell’Arneo, della E-Distribuzione e delle società Telecom spa, Terna spa e Acquedotto pugliese.

Gli interventi

Obiettivo è la “riqualificazione della zona parcheggio antistante il terminal di Costa Morena a Brindisi finalizzato alla sosta dei camion ed auto in transito da e per la Grecia” e delle “aree adiacenti e le vie di accesso al porto di Brindisi, costruendo una rotatoria all’incrocio della strada principale che va dal centro della città al porto (via Provinciale per Lecce incrocio con viale Arno, nei pressi del cimitero)”. Ad Igoumenitsa sarà “completato il terzo terminal passeggeri nel porto e sarà ammodernata l’illuminazione stradale sulle principali arterie che collegano il porto con il centro della città greca”

Stando alle previsioni del Consorzio Asi Brindisi, capofila del progetto, saranno necessari 24 mesi per ultimare gli interventi, una volta ottenuto il via libera. Ai fini dell’acquisizione dei pareri degli enti coinvolti, il Comune ha indetto la conferenza dei servizi decisoria: “Gli uffici interessati possono chiedere la documentazione integrativa entro 15 giorni e dovranno rendere le proprie determinazioni entro 45 giorni”, a far data dal giorno della notifica dell’atto spedito da Palazzo di città.

Nel caso in cui la conferenza non dovesse risultare risolutiva, si terrà una riunione della sala dell’assessore all’urbanistica del Comune di Brindisi, il prossimo 10 novembre (con inizio previsto alle 10,30).

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Terremoto di magnitudo 5.8 presso Durazzo, paura nel Brindisino

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

  • L'autofficina era abusiva: scattano denuncia e sequestro

  • Cocaina per mezzo milione di euro: brindisino condannato a sette anni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento