Piano trasporti regionale: ecco quattro nuovi treni per i pendolari

Il programma di efficientamento e razionalizzazione sui servizi ferroviari regionali di trasporto pubblico locale parte con l'istituzione sperimentale di quattro nuovi treni. Via dal 7 aprile, e occhia al rapporto ricavi-costi, come chiede il governo

BARI - L’assessore ai Trasporti, Giovanni Giannini, comunica che l’Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità e la Società Trenitalia – Direzione regionale Puglia hanno avviato il programma di efficientamento e razionalizzazione sui servizi ferroviari regionali di trasporto pubblico locale, in coerenza con il piano di riprogrammazione approvato dalla giunta regionale.

Il programma di efficientamento riguarda i servizi svolti da Trenitalia sulla dorsale adriatica sulle due direttrici Foggia – Barletta – Bari, e Bari – Lecce e ha come obiettivo soddisfare la domanda di mobilità nelle fasce orarie in cui c’è una maggiore richiesta da parte dei pendolari e cercare di ridurre i tempi di percorrenza dei collegamenti più lunghi.

I risultati attesi sono un aumento del numero di passeggeri trasportati e conseguentemente un aumento del rapporto ricavi costi, entrambi fattori che permetteranno alla Regione Puglia di non subire tagli sui trasferimenti statali per il trasporto locale. Il primo step del suddetto programma, che andrà in vigore in orario dal 7 aprile prossimo in via sperimentale per tre mesi,  prevede l’istituzione di quattro nuovi treni.

L'assessore regionale Gianni GianniniUn treno con partenza da Bari Centrale alle 17.05 e arrivo a Lecce alle 18.36 che effettuerà le fermate intermedie a Polignano, Monopoli, Fasano, Ostuni, Brindisi e San Pietro Vernotico;  un treno da Lecce in partenza alle 19.05 e arrivo a Bari Centrale alle 20.36 con fermate intermedie a San Pietro Vernotico, Brindisi, Ostuni, Fasano, Monopoli e Polignano; un treno con partenza da Bari Centrale alle 12.10 e arrivo a Barletta alle 12.56 con fermate intermedie a Bari Palese Macchie, Bari Santo Spirito, Giovinazzo, Molfetta, Bisceglie e Trani; un treno con partenza da Barletta alle 13.10 e arrivo a Bari Centrale 13.59 con fermate intermedie a Trani, Bisceglie, Molfetta, Giovinazzo, Bari Santo Spirito, Bari Palese - Macchie, Bari zona industriale.

L’istituzione dei suddetti nuovi treni è a costo zero per la Regione, in quanto le percorrenze necessarie sono state reperite da uno studio sulle frequentazioni dei treni esistenti, che ha dato come risultato la possibilità di sopprimere 28 treni del servizio metropolitano tra Molfetta e Mola di Bari nei giorni di sabato, in quanto in tali giornate vi è un calo di domanda di circa il 34%.

Per ogni treno soppresso nei giorni di sabato è comunque garantito un collegamento nella stessa fascia oraria e, per circa il 50 % dei treni soppressi, c’è un treno alternativo entro i successivi 15 minuti. E’ già allo studio la prossima azione riguardante la razionalizzazione degli orari e delle fermate nella fascia oraria mattutina più utilizzata dai pendolari sulla tratta Foggia – Bari, finalizzata ad offrire treni più rispondenti alle richieste di mobilità.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Frutto antico e sacro: il fico

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Tre quintali di droga abbandonati in un uliveto: carico da 1,5 milioni

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Ruba un'auto e ne fa un clone di quella identica di un amico

  • Concorso per navigator: la graduatoria dei vincitori in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento