Pressing Grimaldi, mentre Delrio annuncia nuove regole per le concessioni

Per venerdì mattina il commissario straordinario dell’authority, capitano di vascello Mario Valente, ha organizzato un incontro in cui rappresentanti del gruppo Grimaldi presenteranno ai membri del comitato portuale (il contesto non è però quello di una seduta ufficiale), aspetti e convenienze del loro progetto per Brindisi.

Un traghetto Grimaldi a Brindisi. Sotto, il ministro Graziano Delrio

BRINDISI – Il porto di Brindisi e il suo futuro sempre inchiodati alla questione della concessione Grimaldi, compagnia che non ha rinunciato al pressing per ottenere la concessione ventennale di tutte le rampe per grandi traghetti, prima dell’avvento dell’Autorità Portuale di sistema della Puglia, e di nuove regole del gioco. Sembra che il gruppo napoletano voglia chiudere quanto prima, e per venerdì mattina il commissario straordinario dell’authority, capitano di vascello Mario Valente, ha organizzato un incontro in cui rappresentanti del gruppo Grimaldi presenteranno ai membri del comitato portuale (il contesto non è però quello di una seduta ufficiale), aspetti e convenienze del loro progetto per Brindisi.

Ancora una volta i tempi di Grimaldi a Brindisi non coincidono con gli obiettivi e le strategie che il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture sta perseguendo. Proprio nei giorni scorsi a Genova il ministro Graziano Delrio ha dichiarato che il 2016 sarà l’anno della riorganizzazione del sistema portuale, ma anche che ci sono importanti cambiamenti in arrivo proprio per quanto riguarda le concessioni. A proposito del regolamento sulle concessioni il ministro ha dichiarato che “non è mai stato fatto per venticinque anni”. “Lo abbiamo preparato, è già pronto nella sua interezza, finalmente avremo un regolamento nazionale sulle concessioni, così non ci saranno più discrezionalità. Proroghe? Il regolamento stabilirà le condizioni in cui saranno legittime. Parliamo di poche settimane, non di mesi”, ha aggiunto Delrio (fonte: The MediTelegraph).

Graziano Delrio-3Quindi, se l’Autorità Portuale di Brindisi rilascerà a Grimaldi una concessione ventennale prima dell’entrata in vigore del regolamento del settore, e prima del riordino della portualità, uscirà decisamente fuori dalle linee indicate dal dicastero di piazzale di Porta Pia, presso cui opera anche il Corpo delle Capitanerie di Porto.  Quindi qual è il senso dell’incontro illustrativo di venerdì 25 settembre in Autorità Portuale? Si vogliono forzare i tempi e le linee del ministero? E’ solo un incontro di approfondimento in attesa dei tempi giusti per esaminare la domanda di concessione del gruppo Grimaldi? Si saprà solo dopo l’incontro.

Il risultato, in ogni caso, è che la sorte del porto di Brindisi è relegata in un limbo come se tutto dipendesse da un unico armatore, anche se tra i più importanti al mondo, interessato quasi esclusivamente al traffico ro-ro- di Tir e trailer come dimostra la defaillance del traffico passeggeri per la Grecia dell’anno in corso. Ma Brindisi ha bisogno anche del traffico passeggeri e di altri operatori, di altri armatori da aggiungere a Grimaldi. Il commissario straordinario dell’Autorità del Levante (Bari, Monopoli e Barletta), Francesco Mariani, in queste settimane ha stipulato una convenzione con il porto di Durazzo, che rende a Bari 800mila passeggeri l’anno, pur essendo una città più vicina a Brindisi come percorrenza dei traghetti.

E Grandi Navi Veloci, uno dei tanti armatori che operano a Bari (ai quali recentemente si è aggiunto anche Grimaldi per un traffico di soli camion) senza detenere banchine e rampe in esclusiva, ha comunicato l’intenzione di raddoppiare le unità in servizio proprio sulla rotta per Durazzo. Brindisi invece è inchiodata alla questione Grimaldi, nel 2016 non avrà più le soste di Msc e Tui, avrà quindi un tracollo nel traffico passeggeri ma gli agenti marittimi locali, senza certezze sul fatto di poter disporre di ormeggi, non possono andare a cercare nuove compagnie o noleggiare navi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con arresto, denunce e ritrovamento di auto rubata

Torna su
BrindisiReport è in caricamento