Affidata alla Santa Teresa la riscossione tributi della Provincia

Deciso stamani dal consiglio provinciale. Stabilite le percentuali da prelevare dalle somme incamerate

BRINDISI - Nell’odierna seduta del Consiglio provinciale, l’ultima dell’anno 2018, sono stati approvati tutti i punti all’odg, tra cui l’affidamento in Convenzione alla Società Teresa spa del servizio di “Gestione Entrate” e il riconoscimento di alcuni debiti fuori bilancio per interventi urgenti eseguiti dalla Santa Teresa Spa su alcune strade provinciali, sia per le nevicate del gennaio 2017, sia lavori di manutenzione del verde della rete stradale provinciale del dicembre 2017. 

Quanto incasserà la Santa Teresa Spa dalla gestione del servizio entrate? Premettendo che l'affidamento diretto di tale incarico avviene secondo le norme fissate dall'Unione Europea, l'obiettivo è fare in modo che l'onere pesi il meno possibile sulle finanze dell'ente Provincia, ma derivi invece dai livelli del riscosso, fatta eccezione per un canone base di 20mila euro, e di un canone una tantum a titolo di start up del servizio di 30mila euro.

Foto 2 consiglio provinciale-2

Santa Teresa Spa incasserà invece le seguenti percentuali sui tributi di competenza provinciale riscossi: sull’effettiva riscossione per cassa, con pagamento spontaneo del contribuente, l'1 per cento; sull’effettiva riscossione a seguito di diffide ad utenti e contribuenti gravemente morosi, di accertamento o ingiunzionem, il 4 per cento; sull’effettiva riscossione coattiva l'8 per cento; sull’effettiva riscossione di nuove posizioni rilevate derivanti da situazioni di abusivismo, il 30 èper cento.

Alla società in house Santa Teresa Spa peraltro, nei giorni scorsi sono stati assegnati con affidamento diretto gli interventi di ripristino dei muri a secco crollati o pericolanti lungo le strade provinciali nella zona nord del Brindisino, per un importo complessivo di 200mila euro. Si tenta dunque di costruire passo dopo passo un piano industriale in grado di offrire margini di sicurezza per la sopravvivenza della società in houser.

Approvato dal consiglio provinciale anche il Piano di razionalizzazione delle partecipazioni societarie della Provincia di Brindisi, così come dall'articolo 20 del decreto legislativo 175/2016, con la dismissione delle quote dell’Ente in seno al Ciasu di Fasano, in quanto non rispondente più a quanto stabilito dalla cosiddetta legge Madia sulle partecipate.

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

  • Lavastoviglie: consigli per averla sempre pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Tre quintali di droga abbandonati in un uliveto: carico da 1,5 milioni

  • Ruba un'auto e ne fa un clone di quella identica di un amico

Torna su
BrindisiReport è in caricamento