Alenia e B787, altri 190 milioni in Puglia

FARNBOROUGH – Con l’incremento degli ordini seguito al primo volo del B787, crescono le richieste ai due stabilimenti pugliesi di Alenia Aermacchi che partecipano al progetto Dreamliner. Centonovanta milioni di euro sono l’investimento che la società aerospaziale italiana è pronta ad effettuare in Puglia per far fronte all'incremento produttivo del programma del 787 per il potenziamento degli siti pugliesi di Foggia e Grottaglie dove vengono realizzati, rispettivamente, lo stabilizzatore orizzontale e le sezioni di fusoliera del Dreamliner.

Giuseppe Giordo, amministratore delegato Alenia Aeronautica

FARNBOROUGH – Con l’incremento degli ordini seguito al primo volo del B787, crescono le richieste ai due stabilimenti pugliesi di Alenia Aermacchi che partecipano  al progetto Dreamliner. Centonovanta milioni di euro sono l’investimento che la società aerospaziale italiana è pronta ad effettuare in Puglia per far fronte all'incremento produttivo del programma del 787 per il potenziamento degli siti pugliesi di Foggia e Grottaglie dove vengono realizzati, rispettivamente, lo stabilizzatore orizzontale e le sezioni di fusoliera del Dreamliner.

Ad annunciarlo è stato l'amministratore delegato di Alenia Aermacchi, Giuseppe Giordo, parlando con i giornalisti nel corso del salone aeronautico di Farnborough. E Giordo ha ribadito la volontà dell'azienda di “concentrarsi su questo programma” per aumentare i ratei produttivi: infatti, dai 4,5 al mese si passerà a 7, entro fine 2012, per arrivare a 10 entro fine 2013. ''Usciranno così - ha detto Giordo - 120 stabilizzatori e fusoliere l'anno”. ''La nostra attenzione - ha proseguito Giordo - è tutta concentrata sull'aumento dei ratei produttivi. E questo attraverso l'efficientamento dei processi produttivi, il miglioramento della supply chain, la rinegoziazione dei contratti esistenti”.

L'amministratore delegato di Alenia Aermacchi ha quindi sottolineato che, oltre al 787, ''tutti i programmi di Alenia Aermacchi sono in crescita”. Ma a pesare, ha ribadito ancora Giordo, è la vicenda dei lavoratori esodati, che si è aperta con il varo della riforma pensionistica. ''Se si sblocca, come speriamo, procederemo alle assunzioni di personale concordate con i sindacati e ratificate dal ministero del Lavoro che saranno dedicate, principalmente al programma 787''.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Aggressione e invalido investito: quattro denunce per rissa aggravata

  • Cronaca

    Scoperto piano di fuga dal carcere dell’ergastolano Antonio Campana: fili d’angelo nascosti nel pane

  • Cronaca

    Camper avvolti dalle fiamme vicino alla spiaggia: paura fra i bagnanti

  • Cronaca

    Guida in stato di ebbrezza, furto e favoreggiamento: quattro denunce

I più letti della settimana

  • Apnea fatale per il medico, il pm dispone autopsia

  • Cade dal marciapiedi dopo aggressione e viene anche investito

  • Se ne va giro con un gatto morto nel passeggino: interviene la polizia locale

  • Auto contro un muro sulla provinciale: un ragazzo in Rianimazione

  • Si è spento Franco Zurlo: leggenda brindisina della nobile arte

  • Scontro fra tre auto, sei feriti. Distrutta fiancata di una Ferrari

Torna su
BrindisiReport è in caricamento