Recupero crediti e riassorbimento: assemblea lavoratori Tecnomessapia

La Fiom Cgil convoca un incontro con gli iscritti a Ceglie Messapica per lunedì 7 ottobre, assieme all'ufficio legale

CEGLIE MESSAPICA – Si cercano soluzioni per parare il grave colpo occupazionale legato al fallimento di Tecnomessapia, l’azienda di Ceglie Messapica che faceva parte della supply chain territoriale di Leonardo. Lunedi 7 ottobre tutti i lavoratori ex Tecnomessapia Srl iscritti alla Fiom Cgil di Brindisi sono convocati alle ore 18 alla Camera del Lavoro locale, per un incontro cui parteciperanno oltre alla segreteria provinciale Fiom anche l’ufficio legale della stessa Cgil.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al centro dell’assemblea, due questioni: una riguarda il recupero crediti dei lavoratori nei confronti della Tecnomessapia Srl; la seconda riguarda il rilancio della richiesta nei confronti della Regione Puglia di attivazione dell'esigibilità del bacino delle competenze, vale a dire stabilire una sorta di priorità di assunzione dei lavoratori in regime di Naspi (Nuova assicurazione sociale per l’impiego) di Tecnomessapia in caso di richiesta di personale specializzato da parte delle imprese dell’area.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento