Da Auchan a Conad: "Garantire posti di lavoro all'ipermercato"

Il cambio di gestione piomba sulla campagna elettorale a Mesagne. Prendono posizione i candidati sindaco

MESAGNE – La notizia del cambio di inquilino all’ipermercato nella zona industriale, con l’arrivo di Conad al posto di Auchan, irrompe nella campagna elettorale di Mesagne, con commenti dei candidati sindaco sull’operazione da poco conclusasi. “Mentre tutti siamo affaccendati per gli ultimi giorni di campagna elettorale, qualcosa di importante ci sfugge. L’Auchan, colosso commerciale francese, che tante aspettative aveva creato a Mesagne, cede tutto a Conad mettendo a rischio il futuro di ben 120 famiglie mesagnesi”, commenta preoccupata Rosanna Saracino, avvocatessa in corsa per la coalizione guidata dal Pd.

“Non può non destare preoccupazione tutto ciò: 120 famiglie che rischiano il posto di lavoro in un contesto sociale ove la disoccupazione ha raggiunto livelli percentuali insopportabili è un fatto che meriterebbe la giusta attenzione. Il tutto, invece, accade nel silenzio assordante della politica, delle istituzioni locali e dei sindacati. I dipendenti, probabilmente tenuti all’oscuro di tutto – prosegue la Saracino - da quanto ci risulta non sono stati convocati dai datori di lavoro in assemblea per sentire le ragioni di questa scelta ed hanno appreso solo dai comunicati stampa dell’avvenuta cessione di Auchan Retail Italia SpA a Conad”. 

“E allora chiediamoci qualcosa. Saranno garantiti tutti i posti di lavoro? Ci sarà continuità? Questo lo vorremmo sapere, perché Mesagne non si può permettere questa ulteriore perdita di posti di lavoro che riguarderebbe un numero elevato di nuclei familiari. Se anche solo un posto di lavoro dovesse essere messo in discussione siamo pronti ad intervenire in maniera ferma e decisa accanto ai lavoratori ed alle loro famiglie”.

Di taglio ottimistico, ma non del tutto serena sulle prospettive, invece la valutazione fatta da Toni Matarrelli, questa volta alla testa di un gruppo di liste civiche: “Ci giunge notizia dell’acquisizione del gruppo Conad di una parte importante dei quasi 1.600 punti vendita Auchan Retail Italia, tra cui quello di Mesagne. Siamo felici che il nostro centro commerciale rientri nei piani imprenditoriali di un colosso imprenditoriale tutto italiano come Conad e auspichiamo che questa operazione sia il preludio di ulteriori investimenti nella zona industriale di Mesagne”.

“Siamo certi – scrive ancora Matarrelli in un post su Facebook -  che Conad non vorrà mettere in discussione alcun posto di lavoro e che nei suoi piani non rientri un progetto di ridimensionamento del personale esistente. Perché sia chiaro, se solo un lavoratore fosse a rischio, noi siamo pronti a innalzare barricate per impedire qualsiasi licenziamento e determinati a tutelare in ogni sede consentita il rispetto dei diritti dei dipendenti del centro commerciale di Mesagne.

Infine Antonio Calabrese, dell’altra coalizione civica “Mesagne in Comune”, il quale punta a sua volta sulla salvaguardia dei posti di lavoro: “Speriamo vivamente che questo repentino passaggio possa essere indolore per tutti i dipendenti, che siano pertanto mantenuti i livelli occupazionali e tutti i contratti in essere ed ovviamente tutte le garanzie previdenziali previste”.

Potrebbe interessarti

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Fai da te, barbecue in muratura: come realizzarlo

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Vino sofisticato: undici arresti e quattro cantine sequestrate

  • Altri temporali in arrivo, l'allerta meteo passa ad arancione sulla costa

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Fuochi d'artificio al matrimonio: colpito al volto, perde un occhio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento