Avio, ok fatturato e portafoglio

RIVALTA DI TORINO – Crescita del fatturato e dell’Ebitda, aumento degli investimenti, diminuzione del debito e un portafoglio ordini superiore ai 6 miliardi di euro: questi i principali risultati del 2011 approvati dal consiglio di amministrazione di Avio, gruppo leader del settore aerospaziale, con una importante unità produttiva anche a Brindisi, che prosegue nel suo percorso di crescita sui mercati internazionali.

Francesco Caio

RIVALTA DI TORINO Crescita del fatturato e dell’Ebitda, aumento degli investimenti, diminuzione del debito e un portafoglio ordini superiore ai 6 miliardi di euro: questi i principali risultati del 2011 approvati dal consiglio di amministrazione di Avio, gruppo leader del settore aerospaziale, con una importante unità produttiva anche a Brindisi, che prosegue nel suo percorso di crescita sui mercati internazionali.

Nell’esercizio appena concluso, l’azienda ha registrato ricavi a livello consolidato per 2.027,1 milioni di euro, in crescita del 15,6% nonostante lo sfavorevole effetto valutario connesso al deprezzamento del dollaro statunitense. Il miglioramento è stato registrato soprattutto nel settore AeroEngine il quale, escludendo la componente valutaria negativa, ha prodotto un incremento dei ricavi del 22,1%. L’Ebitda aduste è salito a 384,2 milioni di euro, in crescita del 13,3% rispetto ai 339,1 milioni del 2010, con un’incidenza pari al 19,0% dei ricavi (19,3% nel 2010).

Alla luce del positivo andamento delle vendite e della redditività, il gruppo è stato in grado di sostenere spese per investimenti per oltre 170 milioni di euro, pur continuando a ridurre l’indebitamento finanziario netto che, al 31 dicembre 2011, presenta un saldo pari a 1.433,1 milioni di euro rispetto al livello di 1.492,9 milioni di fine 2010, con una riduzione di 59,1 milioni di euro (80 milioni di euro a parità di cambio con il dollaro statunitense, valuta in cui è denominata una rilevante porzione dei debiti finanziari). Tale risultato ha consentito un ulteriore miglioramento del leverage ratio (indebitamento finanziario netto Avio/Ebitda adjusted), passato da 4,4x di fine 2010 a 3,7x di fine 2011.

Il portafoglio ordini si è attestato a 6.050,2 milioni di euro, con un incremento di circa l’1% rispetto al 31 dicembre 2010, raggiungendo un nuovo primato nella storia del gruppo. “In un contesto macroeconomico così complesso, Avio ha continuato nella propria crescita sui mercati internazionali. Il gruppo, forte della passione delle sue persone e delle competenze che le sono riconosciute, ha raggiunto un traguardo storico come la qualifica del lanciatore Vega che ha portato l’Italia nel ristrettissimo gruppo di Paesi che hanno accesso allo spazio con tecnologia propria”, ha dichiarato Francesco Caio, amministratore delegato del gruppo: “Questi risultati ci consentono di consolidare la nostra leadership nell’industria aerospaziale a livello internazionale e di affrontare con fiducia i progetti di sviluppo sui quali  tutta l’azienda è impegnata.” ha concluso.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

RISULTATI 2011

Principali indicatori a livello consolidato (dati in milioni di Euro): 2011 2010 Variazione %
Cambio medio US$/€

Ricavi

- AeroEngine (83,4%)

- Spazio (14,6%)

- AvioService (2%)

Ebitda adjusted (1)

- % sui ricavi

Indebitamento finanziario netto Avio (3)

1,39

2.027,1

1.