Bandi regionali giovani coltivatori e agroindustria: le novità

Partiti già 40 inviti al primo insediamento. Per il settore della trasformazione finanziabili per ora 51 aziende. "Troveremo gli altri fondi"

Importanti aggiornamenti per due attese misure del Piano di sviluppo rurale Puglia 2014-2020: una è quella relativa all’insediamento dei giovani in agricoltura (Sottomisura 6.1 - Pacchetto Giovani), lìaltra quella che sostiene gli investimenti regionali per la trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli (Sottomisura 4.2).

Per quanto concerne il bando dedicato ai giovani in agricoltura, l’Autorità di gestione del Psr Puglia 2014-2020, Rosa Fiore, fa sapere che sono state inviate questa mattina ai primi cento under 40 collocati in graduatoria le Pec d’invito al primo insediamento.

Giovani, ora possibile procedere con adempimenti

I beneficiari potranno così cominciare ad attuare tutti gli adempimenti previsti da uno dei più importanti avvisi pubblici del Psr, oovvero acquisizione della titolarità dell’azienda oggetto di insediamento, iscrizione nel registro delle imprese agricole, attivazione di partita Iva agricola, aggiornamento e validazione del fascicolo aziendale, eccetera.

“Si è deciso un invito a scaglioni per il momento – spiega Rosa Fiore –, questo per testare tempistiche procedurali e rodare il meccanismo di espletamento, tramite portale Eip, e verifica degli adempimenti obbligatori, al fine di consentire di far insediare nel più breve tempo possibile tutti i giovani agricoltori presenti in graduatoria”.

In merito all’avviso pubblico della Sottomisura 4.2, particolarmente seguito dal comparto agroindustriale pugliese, lo scorso 14 febbraio è stato pubblicato sul sito del psr.puglia.it l’elenco delle ditte ammesse ai finanziamenti (elenco  che anticipa la determina di prossima uscita).

Progetti agroindustria: finanziabile il 10 per cento

Sono 548 i progetti delle imprese che hanno presentato domanda per un investimento complessivo di un miliardo di euro. Di queste ditte sono ad oggi finanziabili le prime 51 collocate in graduatoria per un valore complessivo di 96 milioni di euro di investimento e 48 milioni di contributo pubblico.

Risultano purtroppo 466 i progetti che, pur avendo ottenuto un punteggio soglia valido, non sono stati ammessi per mancanza di risorse finanziarie. Questi progetti esprimono un potenziale di investimento di 742 milioni di euro ed un relativo fabbisogno di 370 milioni di euro di risorse pubbliche. Ma la Regione Puglia è da tempo a lavoro per dar forma a due possibilità che consentano di recuperare le risorse necessarie e far scorrere la graduatoria.

La Misura 4.2 – occorre ricordare - è un intervento particolarmente strategico per l’apparato industriale alimentare della nostra regione ma che, com’è noto, è ad oggi insufficiente per risorse disponibili. È difatti il solo Psr, con il Feasr (così come previsto dai regolamenti dei Fondi Strutturali e di Investimento Europei) a poter finanziare tale comparto, ma con aiuti fino al 50% del valore e dell’investimento totale.

E la Puglia, in sede di partenariato del Psr, ha ritenuto stanziare 90 milioni complessivi a sostegno degli investimenti industriali mentre oltre 500 milioni di euro sono stati allocati per il sostegno degli investimenti nelle aziende agricole.

Inoltre – ed è un ulteriore limite – il PSR Puglia non può finanziare interventi destinati all'industria che superino l'investimento massimo ammissibile di quattro milioni di euro, con l'obbligo per gli investimenti di valore superiore di limitare la contribuzione pubblica al suddetto massimale di costo ammissibile

La graduatoria è il risultato di un’attenta e puntuale valutazione di ogni controdeduzione presentata dalle ditte ed è contestuale all’invio, a ciascun richiedente, del giudizio definitivo sulla qualità del progetto. Circa il 50% delle domande respinte ad agosto 2019 sono state ripescate perché hanno saputo dimostrare la qualità delle proprie progettualità a dimostrazione del lungo ed analitico lavoro svolto.

“Dalla pubblicazione del bando alla graduatoria di merito – spiega l’Autorità di gestione del PSR Puglia –, com’è noto, i tempi oggettivamente dilatati trovano giustificazione nelle numerose richieste di proroga, prima, e nella scrupolosità e cautela dei nostri uffici, in fase istruttoria, per evitare s’incorresse negli stessi contenziosi che hanno interessato le altre misure”.

Servono altri 370 milioni: come recuperarli

“Per finanziare i restanti 466 progetti validi – prosegue l’Adg – è necessario recuperare 370 milioni di euro circa per far scorrere la graduatoria: un obiettivo che la Regione Puglia intende raggiungere nel breve tempo possibile, attraverso due strade. La prima utilizzando le cosiddette risorse liberate del Po Fesr 2007-2013, con circa 150 milioni di euro di economie recuperate dai programmi comunitari.

La seconda riguarda la possibilità di inserire i progetti all’interno dei Contratti Istituzionali di Sviluppo (Cis) proposti dal Governo per accelerare la realizzazione investimenti mirati nelle diverse provincie pugliesi deficitarie sul versante della dotazione infrastrutturale e delle dinamiche dello sviluppo, anche nei settori del vitivinicolo, cerealicolo, olivicolo e frutticolo, floricolo o zootecnico”.

“Metteremo in campo ogni possibile strategia – conclude – dando opportunità concrete di sviluppo alle nostre imprese ma anche per la tenuta della nostra economia agroindustriale che ha bisogno di innovazione, aggregazione e crescita nel medio-lungo periodo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Dopo le ultime notizie politica durissima con i vertici Asl Brindisi

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento