Multiservizi, crediti verso il Comune per mezzo milione: delibera in Consiglio

“Attività rese nel mese di agosto: dal verde al canile”. Ci sono anche i servizi in occasione delle elezioni europee

BRINDISI – Dopo settimane di confronto, il Comune di Brindisi ha riconosciuto i crediti per oltre mezzo milione di euro, vantati dalla società Multiservizi (di cui è socio unico) in relazione al regolare svolgimento di una serie di attività: dalla manutenzione del verde pubblico al canile, sino ad arrivare a quelle poste in essere in occasione delle elezioni europee. L’importo complessivo è pari a 518.936,55 euro.

Brindisi Multiservizi

I crediti della partecipata

La srl che si appresta a incorporare per fusione la Energeko, vanta crediti dopo aver presentato una serie di fatture che si riferiscono ad alcuni servizi resi durante lo scorso anno e a quelli svolti lo scorso mese di agosto, sebbene all’epoca fossero privi di copertura. Per l’Amministrazione comunale si tratta di debiti fuori bilancio che vanno onorati: la delibera sarà portata all’attenzione del Consiglio domani, in occasione del ritorno in Aula (inizio previsto alle 15).

“I servizi sono stati comunque espletati dalla società al fine di evitare interruzioni, trattandosi di attività strumentali a quelle svolte dall’Ente”, si legge nella relazione approntata dal dirigente del settore Lavori Pubblici, Fabio Lacinio. La proposta sarà illustrata in Assise dall’assessore al ramo, Tiziana Brigante.

I servizi svolti ad agosto

Il punto di partenza è costituito dalla delibera con cui la Giunta, il 26 agosto scorso, ha prorogato “sino a tutto il 31 ottobre, i servizi alle società partecipate”. Più esattamente, per Multiservizi il periodo di tre mesi a decorrere dal primo agosto sino al 31 ottobre, “a seguito di valutazione della congruità economica dell’affidamento in house, sulla base di un’attenta analisi dei costi sostenuti per la produzione e la distribuzione dei servizi”. Stando a quanto è stato riportato nella relazione, questa verifica “ha consentito di ridurre i costi del 10 per cento rispetto al contratto precedente del 2016”.

“Con lo stesso atto è stata impegnata la spesa necessaria per i servizi relativi ai mesi di settembre e ottobre, tralasciando agosto, mese in cui i servizi sono stati comunque svolti senza interruzione”. L’importo totale delle fatture presentate dalla Multiservizi al Comune, con riferimento ad agosto 2019, ammonta a 418.206 euro e 31 centesimi.

“La somma trova capienza nei capitoli di bilancio”, spiegano dal Comune. Le voci che compongono la somma sono: manutenzione ordinaria delle fontane, 4.692,89 euro; manutenzione degli spari a verde e dei parchi, 128.816,81; custodia e pulizia degli edifici comunali e dei bagni pubblici, 102.784,72; servizio di portierato presso il Nuovo Teatro Verdi, 1.645; custodia, sorveglianza e supporto ai visitatori delle sedi culturali e monumentali, 49.186,22; manutenzione integrata degli edifici scolastici, 38.027,63; manutenzione degli impianti sportivi, 6.270,79; servizio di mobilità interna, 28.670; manutenzione ordinaria, custodia e pulizia del mercato coperto ex Inapli, 18.448,61; servizio di gestione del canile, 31.713,65 e servizi ausiliari di supporto agli asili nido comunali, 7.950.

Brindisi Multiservizi

Le elezioni europee

Il Comune intende riconoscere e, quindi, pagare anche la fattura che si riferisce ai “servizi di trasporto, montaggio e smontaggio delle sezioni elettorali durante lo svolgimento delle consultazioni europee del 26 maggio 2019”. In questo caso la fattura ammonta a 8.186,20 euro. “A causa di un disguido nel sistema informatico, la determina si è bloccata durante l’iter di lavorazione e non è stata acquisita dal settore servizi finanziari ai fini dell’apposizione del parere contabile e dell’esecutività”, spiegano da Palazzo di città. “In tal modo è stata determinata una spesa priva di copertura finanziaria a fronte della quale, la società ha emesso fattura il 3 luglio scorso”.

Canile comunale

Da liquidare anche la fattura che si riferisce all’esecuzione di “lavori straordinari nel canile comunale durante l’anno 2018”. L’importo è pari a 40.044,04 euro. “I lavori non rientravano nelle ordinarie attività previste dal contratto con la Multiservizi e pertanto sono risultati privi di copertura”, si legge nella proposta di delibera. Anche questa sarà sottoposta al Consiglio comunale domani pomeriggio.

L’Amministrazione ha “accertato che i lavori sono stati regolarmente effettuati e che l’Ente, avvalendosi delle prestazioni ha tratto un’indubbia utilità”.

multiservizi assemblea 1-2

Immobile in contrada Chiodi

Multiservizi, infine, rivendicava il pagamento del servizio di guardiania svolto a protezione della struttura che si trova in contrada Chiodi per tutto il 2018 e per i primi sei mesi del 2019. La fattura spedita a Palazzo di città ammonta a 64.050 euro. Anche in questo caso, il Comune ha accertato la “legittimità” della richiesta, configurando quell’importo come debito fuori bilancio, dopo aver riconosciuto “l’urgenza di garantire la vigilanza a un bene sottratto alla criminalità organizzata, al fine di preservarlo da possibili atti di vandalizzazione oppure occupazione abusiva”. La struttura è stata destinata a sede di una comunità di socio-riabilitativa per disabili.

Multiservizi, costituita l’11 febbraio 1996 come società mista tra il Comune di Brindisi, Italia Lavoro spa e soci di minoranza, “attualmente conta 162 dipendenti: 25 impiegati e il resto operai”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento