Ora la Puglia ha una legge sull'utilizzo dell'idrogeno

La stessa norma approvata oggi 9 giugno dal Consiglio regionale stabilisce le regole per il rinnovo degli impianti fotovoltaici ed eolici esistenti

Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato a maggioranza, con 27 voti favorevoli, la proposta di legge recante “Norme in materia di promozione dell’utilizzo di idrogeno e disposizioni concernenti il rinnovo degli impianti esistenti di produzione di energia elettrica da fonte eolica e per conversione fotovoltaica della fonte solare”, a firma del consigliere regionale di Noi a Sinistra, Enzo Colonna. Obiettivo della legge è favorire i processi di ammodernamento degli impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile esistenti sul territorio regionale, per non disperdere il patrimonio infrastrutturale già realizzato e ridurre il consumo di suolo e, dall’altro, ottimizzare l’uso delle fonti rinnovabili mediante la produzione di idrogeno.

Nel corso dell’esame dell’articolato sono stati approvati dieci su quaranta emendamenti presentati, tra cui tutti quelli proposti dallo stesso Colonna ed un paio del M5S e Marmo (FI). In particolare sono state aggiunte delle disposizioni in materia di adempimenti della Giunta regionale, da attuare in sede di aggiornamento del Regolamento regionale attuativo delle Linee Guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili e dell’avvio del procedimento di revisione del Pptr.

Con 32 voti favorevoli, è stato approvato un articolo aggiuntivo, attraverso un emendamento presentato dal consigliere Fabiano Amati (Pd), con cui si interviene sul decreto ‘Sblocca cantieri’ convertito in legge, relativamente alla conferma della disciplina regionale in materia di deposito dei calcoli presso il Genio civile per le opere in aree a bassa sismicità, nelle more dell’emanazione delle linee guida da parte del Ministero delle infrastrutture. “Si tratta di evitare – ha spiegato Amati – le lungaggini sui cantieri già avviati determinate dall’introduzione dello Sblocca cantieri”.

energia - ciclo dell'idrogeno-2

Nota del consigliere regionale proponente, Enzo Colonna

“Il Consiglio regionale ha approvato oggi, con il voto favorevole dell’intera maggioranza e di alcuni colleghi di minoranza, la proposta di legge ‘Norme in materia di promozione dell’utilizzo di idrogeno e disposizioni concernenti il rinnovo degli impianti esistenti di produzione di energia elettrica da fonte eolica e per conversione fotovoltaica della fonte solare’ che avevo presentato circa un anno e mezzo fa. Si tratta di un testo molto innovativo e articolato, con soluzioni inedite rispetto al panorama delle normative regionali e nazionali in materia. Soluzioni normative del tutto originali che la Puglia offre ora al Governo nazionale come modello per favorire i processi di transizione energetica e di progressivo abbandono delle fonti fossili.

L’obiettivo della legge è duplice: da un lato, promuovere la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile favorendo la chiusura dei cicli produttivi mediante la produzione di idrogeno attraverso l’energia elettrica prodotta da fonte rinnovabile non consumata e non immessa nella rete; dall’altro, favorire l’ammodernamento degli impianti esistenti, regolarmente autorizzati e ubicati in aree non interessate dai vincoli (ad esempio, quelli paesaggistici del PPTR), di produzione di energia elettrica da fonte eolica e solare, mediante la previsione di una disciplina dei procedimenti amministrativi relativi agli interventi di integrale ricostruzione, potenziamento, rifacimento e riattivazione degli impianti, in grado di offrire certezza regolamentare e semplificazione amministrativa, e riducendo le ripercussioni negative sull’ambiente e il consumo del suolo, per non disperdere il patrimonio infrastrutturale già realizzato e quindi evitare ulteriore consumo di suolo.

Questa legge risulta coerente con le politiche avviate a livello internazionale, europeo e statale che mirano al contenimento delle emissioni di gas a effetto serra (da ultimo, con l’approvazione della Direttiva UE denominata RED II). La legge, inoltre, si pone perfettamente in linea con la condivisibile prospettiva di governo tracciata a più riprese dal presidente Michele Emiliano e dal governo regionale, ad esempio con l’aggiornamento del Pear che punta ad un’economia di transizione a basso utilizzo di carbone, con l’obiettivo della progressiva sostituzione dei combustibili fossili con quelli a zero emissioni, recando così benefici alla salute dei cittadini e all’ambiente, senza pregiudicare, ma consolidando e rafforzando, il percorso di crescita dell’economia pugliese.

Con la legge approvata, la Puglia è in grado ora di aggiornare il quadro normativo di riferimento, assumendo come strada maestra quella della progressiva riduzione della dipendenza dai combustibili fossili, dell’adozione di tecnologie di “frontiera” capaci di consolidare la leadership della Puglia nella produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile e della riduzione degli impatti negativi sul territorio. Nello specifico, la legge prevede diversi interventi.

un treno a idrogeno in Germania-2

L’economia basata sull’idrogeno

Con riferimento alla promozione di una economia basata sull’idrogeno (prima parte della legge), si prevede:  la definizione di un Piano Regionale dell’Idrogeno; la costituzione di un Osservatorio per monitorare l’efficacia delle politiche attivate per la promozione dell’utilizzo dell’idrogeno; azioni finalizzate alla realizzazione di impianti cogenerativi alimentati ad idrogeno per la produzione di energia elettrica e calore al servizio di edifici pubblici e privati, nonché di impianti per la produzione di metano tramite la reazione fra idrogeno e anidride carbonica; misure per la realizzazione di impianti, anche sperimentali, di produzione e distribuzione di idrogeno, combustibili e carburanti rinnovabili.

Inoltre: la promozione del rinnovo del parco rotabile, su gomma e su ferro, del servizio di trasporto pubblico con il ricorso a mezzi dotati di celle a combustibile alimentate a idrogeno; l’esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo per gli autoveicoli alimentati a idrogeno; misure di sostegno per la ricerca applicata sull’idrogeno come vettore energetico per la mobilità sostenibile e forma di accumulo di energia, favorendo partnership tra Università, centri di ricerca pubblici e privati, imprese; la promozione della generazione diffusa dell’energia da fonte rinnovabile e della partecipazione attiva dei cittadini al mercato dell’energia, sia individualmente che in forma aggregata, ad esempio con la creazione di comunità locali dell’energia organizzate nella forma delle cooperative di comunità di cui alla legge regionale n. 23/2014 e perfettamente in linea con la Direttiva RED II.

rifornimento auto idrogeno-2

L’ammodernamento degli impianti esistenti

Sul fronte, invece, dell’ammodernamento degli impianti esistenti, regolarmente autorizzati, eolici e fotovoltaici, la legge: definisce, in materia di valutazione degli impatti ambientali degli interventi di ammodernamento degli impianti esistenti, condizioni e criteri per la “valutazione preliminare” (procedimento recentemente introdotto dal legislatore nazionale), favorendo quei progetti che propongono riduzioni significative del numero di aerogeneratori (almeno il 50%) con una sensibile riduzione del c.d. “effetto selva” e, nel caso di impianti fotovoltaici, del suolo occupato, assieme a misure di compensazione di carattere ambientale in favore dei comuni nei cui territori ricadono gli impianti.

La stessa norma definisce con chiarezza quando i menzionati interventi siano classificabili come modifiche sostanziali o come modifiche non sostanziali, definendo i relativi procedimenti; individua i procedimenti amministrativi per il rinnovo dell’autorizzazione all’esercizio degli impianti esistenti e le relative condizioni (ammodernamento tecnologico, riduzione significativa delle dimensioni degli impianti, garanzie per il ripristino dello stato dei luoghi); fornisce i criteri per la determinazione delle misure di compensazione a carattere ambientale in favore dei comuni nei cui territori sono localizzati gli impianti interessati dagli interventi di ammodernamento (ad esempio: efficientamento energetico di edifici comunali, acquisto di flotte autoveicoli a zero o basse emissioni, piste pedo-ciclabili, costituzione di comunità locali dell’energia, ecc.).

rifornimento auto idrogeno-3

La nuova legge infine promuove iniziative del governo regionale finalizzate alla delocalizzazione di impianti esistenti ubicati in zone agricole o in aree inidonee ai sensi di un regolamento regionale del 2010 e del PPTR (con contestuale dismissione degli stessi e ripristino dello stato dei luoghi) in aree industriali dismesse, cave esaurite, siti inquinati. Sono davvero molto soddisfatto per il voto favorevole di oggi, giunto a valle di un lungo e complesso lavoro di elaborazione del testo, che si è arricchito, nel corso del suo iter, dei preziosi spunti, tradotti in emendamenti, forniti dai colleghi consiglieri, da numerosi rappresentanti di organizzazioni del mondo sociale, accademico ed economico e dai Dipartimenti regionali “Sviluppo economico”, in particolare dalla Sezione “Infrastrutture energetiche e digitali”, e “Ambiente”, che ringrazio. Sono particolarmente grato, altresì, al Presidente Emiliano e alla Giunta, in particolare agli assessori Borraccino e Stea, per il sostegno all’iniziativa legislativa nonché a tutti i Colleghi consiglieri che hanno consentito l’approvazione della legge.

Ripensare il modello di sviluppo, orientarlo nel segno della ricerca applicata, innovazione tecnologica, sostenibilità ambientale, condivisione di risorse e processi produttivi, rappresentano un’urgenza che deve essere avvertita a tutti i livelli di governo. La Puglia è nelle condizioni di porsi all’avanguardia nell’ambito di questa strategia, sia a livello nazionale che europeo”, conclude Enzo Colonna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Bimba nata morta all’ospedale Perrino”: denuncia dei genitori

  • In provincia di Brindisi quattro stelle Michelin sulle 12 alla Puglia

  • Trovato senza vita: sospetta overdose, pm dispone autopsia

  • Maltempo: scuole chiuse a Brindisi a in altri Comuni della provincia

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Incidente sulla provinciale, auto si schianta contro albero: grave un giovane

Torna su
BrindisiReport è in caricamento