L'evoluzione del rapporto banca-cliente: un convegno dell' Aiga

L'associazione dei giovani avvocati di Brindisi ha riunito docenti universitari e professionisti del settore all'ex convento Santa Chiara di Brindisi

BRINDISI - Si è tenuto a Brindisi giovedi 6 giugno all’ex Convento di Santa Chiara, con un pubblico di circa 200 partecipanti, tra avvocati e commercialisti, un convegno in materia di diritto bancario su “Problemi attuali nei rapporti tra banca e cliente” organizzato dall’Aiga (Associazione Italiana Giovani Avvocati) sezione di Brindisi, presieduta dall’avvocato Francesco Monopoli del foro di Brindisi, in collaborazione con la Scuola Superiore della Magistratura Territoriale di Lecce, con la Fondazione dell’Avvocatura, con il Centro Messapico di Studi Giuridici di Brindisi, con il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università del Salento, con l’AssoCtu, e con l’Unione dei Giovani Commercialisti di Brindisi 

Dopo i saluti di Alfonso Pappalardo, presidente del Tribunale di Brindisi, di Cosimo Bottazzi, presidente Commissione Tributaria Regionale di Lecce e presidente del Centro Messapico di Studi Giuridici, di Pietro Lisi, giudice del Tribunale di Brindisi e componente della Scuola Superiore della Magistratura Territoriale Lecce, di Carlo Panzuti, presidente Ordine Avvocati di Brindisi e di Francesco Monopoli, presidente Aiga Brindisi, i lavori sono stati introdotti e moderati dal Francesco Antonio Genovese, consigliere della Corte di Cassazione.

convegno Aiga banca cliente-2

Sono intervenuti Aldo Angelo Dolmetta, consigliere Corte di Cassazione, sul credito fondiario, sul limite di finanziabilità e garanzie integrative, con particolare approfondimento sui profili sostanziali e processuali, Roberta Marra,  giudice del Tribunale di Brindisi su Intese anticoncorrenziali  a monte e garanzie personali a valle, Vincenzo Farina dell’ Università del Salento, sui contratti bancari mono firma, forma scritta e consegna di copia al cliente, Roberto Marcelli, presidente della AssoCtu su contratti di finanziamento e piano di ammortamento alla francese, Francesco Quarta Università di Bologna,  sugli indici sintetici e sul costo totale del credito e sulla la trasparenza bancaria tra tutela del cliente e funzione pro-concorrenziale.

È stato comunque rilevato un maggiore interesse per la tutela del cliente contraente debole che è effettivamente sorto in conseguenza di una serie di evoluzioni – soprattutto di tipo normativo – che hanno riguardato il sistema bancario ed il suo ruolo. Evoluzioni che hanno conosciuto una significativa accelerazione grazie all’integrazione dell’Italia nell’Unione europea, processo che ha “costretto” il nostro Paese a modernizzarsi nella regolamentazione dei rapporti economici, mutuando principi già̀ da tempo affermatisi in altri Paesi europei. Al termine dei lavori si è svolto un dibattito tra il pubblico ed i relatori.

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

  • Minorenni in coma etilico: controlli e multe a locali sulla costa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento