Leucci Costruzioni: stipendi non pagati e ferie forzate, lavoratori preoccupati

I dipendenti chiedono chiarezza alla proprietà americana. Venerdì possibile sit in davanti alla prefettura. Si temono gli ammortizzatori sociali

BRINDISI – Dallo scorso mese di febbraio non percepiscono lo stipendio. Da lunedì scorso (24 giugno) alcuni di loro sono in ferie forzate, a causa del calo della produzione. Stanno vivendo un’estate estremamente critica i lavoratori della Leucci Costruzioni Spa, storica azienda metalmeccanica brindisina specializzatasi negli ultimi anni nel settore fotovoltaico che lo scorso 15 maggio è stata acquisita per intero dalla Gem Leucci Holdings Llc, società del gruppo Gem, un fondo americano con sede nel Delaware.

Incontro con la task force regionale

La Leucci ha un personale di quasi 110 unità. La nuova proprietà ha ereditato dalla vecchia gestione un pesante passivo economico. La situazione di difficoltà in cui versa l’azienda è certificata anche dalla convocazione di un tavolo per lunedì prossimo (1 luglio), a Bari, presso il Comitato di monitoraggio del sistema economico produttivo e delle aree di crisi presieduto da Leo Caroli. Parteciperanno alla riunione, oltre ai rappresentanti della Leucci, anche Confindustria Brindisi e i sindacati Cgil, Cisl, Uil (con i rispettivi rappresentanti delle sigle di categoria) e la Ugl metalmeccanici.

Il passaggio di proprietà

Sit in in piazza

In ambienti sindacali si ipotizza che l'incontro con la task force per le emergenze occupazionali sia finalizzato alla richiesta di ammortizzatori sociali. Estremamente preoccupati per la piega che la vicenda potrebbe prendere nei prossimi giorni, una parte di lavoratori venerdì mattina è pronta a ritrovarsi in piazza Santa Teresa, davanti alla prefettura, per manifestare il proprio disagio. Ci sono infatti padri di famiglia gravati da mutui, bollette e altre pendenze economiche che fanno sempre più fatica ad arrivare alla fine del mese. 

Lo scorso 30 maggio, a seguito di un incontro fra la Rsu aziendale e i rappresentanti della Gem Leucci Holdings, l’azienda si assunse l’impegno di erogare il saldo delle competenze relative alla tredicesima mensilità 2018 e di fornire comunicazioni “relativamente al pagamento delle successive competenze arretrato”. Ma se il saldo della tredicesima in effetti è stato versato, resta insoluto il nodo stipendi.

“I lavoratori – afferma Ercole Saponaro, segretario generale del sindacato Confintesa Brindisi – sono estremamente preoccupati per il loro futuro”. Come già fatto attraverso una nota diramata lo scorso 17 giugno, Saponaro chiede chiarezza. “I livelli occupazionali – prosegue il sindacalista – vanno tutelati. Non si può disperdere patrimonio di esperienze professionali acquisito da un’azienda che ha fatto la storia dell’industria brindisina”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere contromano, un morto e due feriti: arrestato

  • Cattivi odori dalla lavatrice: alcuni rimedi naturali per eliminarli

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

Torna su
BrindisiReport è in caricamento