Aerospazio: impegnati nei progetti conclusi 420 giovani laureati

Networking del Dta venerdì con tutte le imprese e gli enti del cluster pugliese. Il bilancio delle attività: contratti per 150 milioni di euro, 300 ricercatori e 120 giovani ingegneri impegnati

Venerdì 1 marzo, con inizio alle 14,30, a Villa Romanazzi Carducci di Bari si svolgerà l’iniziativa di presentazione  “I progetti del Distretto Tecnologico Aerospaziale: risultati, strategie, prospettive”.  Sarà il presidente del Dta, Giuseppe Acierno, a introdurre l'incontro sui progetti di ricerca, che sono stati raccolti in una pubblicazione.

I numeri del Distretto tecnologico aerospaziale

“Sarà una giornata di networking con la comunità di ricercatori ed addetti delle imprese dell'aerospazio, nostre socie e partner, con cui in questi anni abbiamo portato a compimento contratti del valore di oltre 150 milioni di euro che hanno coinvolto: 46 imprese, università e centri di ricerca pugliesi, italiane ed europee; oltre 300 ricercatori ; oltre 120 giovani ingegneri pugliesi in master post laurea, ai quali se ne sono aggiunti altri 45 utilizzati e contrattualizzati direttamente dal Dta”, ha detto Acierno.

"Oggi tutti sono  impiegati nel settore dell'aerospazio in Puglia, in Italia e nel  mondo. Una giornata per rafforzare e rilanciare un' esperienza concreta e misurabile che testimonia come l'innovazione sia una formidabile leva per la nostra crescita”, ha detto ancora il presidente del Dta. Dopo l’intervento di Manuela Matarrese, responsabile Alta formazione e placement del Dta, verranno illustrati i risultati relativi ai progetti già completati e illustrati nella pubblicazione.

Giuseppe Acierno-3

I progetti completati

Eccone la sintesi. Dimas, “Tecnologie e processi ad alta automazione per la produzione di strutture in composito e loro manutenzione nel ciclo di vita dei prodotti” con presentazione di Benedetto Gambino, di Leonardo SpA; Spia, “Strutture Portanti Innovative Aeronautiche”, con presentazione di Giuseppe Totaro, Leonardo SpA; Tema, “Tecnologie Produttive per Leghe di Alluminio ed al Titanio”, con presentazione di Maria Rita Petrachi, di AvioAero.

Quindi, Apulia Space, “Sviluppo di tecnologie abilitanti nei segmenti Spazio, Terra e Utente”, con presentazione di Cristoforo Abbattista, di Planetek; Maipco, “Metodologie Avanzate di Ispezione e Controllo dei processi produttivi di strutture complesse in composito”, con presentazione di Silvio Pappadà, del Consorzio Cetma; Mea, “Gestione ibrida dell’energia per applicazioni aeronautiche”, con presentazione di Giuseppe Giliberti, di AvioAero. 

Gli eventi dell'incontro

A seguire si svolgerà una tavola rotonda, coordinata da Acierno sul tema “La quarta rivoluzione industriale tra sfide e cambiamenti: siamo pronti?”. Sull’argomento si confronteranno:  Luigi Gallo, responsabile Area Innovazione di Invitalia; Domenico Laforgia, direttore del Dipartimento Sviluppo Economico, Innovazione, Istruzione, Formazione e Lavoro, Regione Puglia; Cristina Leone, presidente del Cluster Tecnologico Nazionale dell’Aerospazio; Laura Morgagni, segretario generale, Cluster Tecnologico Nazionale Tecnologie per le Smart Communities.

Silvia Nardelli, dirigente dell’ Ufficio II – Incentivazione e sostegno alla competitività del sistema produttivo privato e del pubblico/privato in ambito nazionale e internazionale - del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca; Enrico Pisino, presidente  del cluster nazionale dei Trasporti; Pietro Aleardo Siciliano, presidente di Innovaaal– Tav, Cluster Tecnologico Nazionale “Tecnologie per gli ambienti di vita”; Gianluigi Viscardi, presidente del  Cluster Nazionale Fabbrica Intelligente. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Leggo tante belle cose nell'articolo, tante cose interessanti e di un certo livello. Ma mi chiedo: volendo fare un rapporto tra soldi investiti e ritorno dell'investimento ( piccola ed elementare regola su cui si regge la libera economia di mercato ) cosa è poi realmente accaduto? La "cosa" è stata almeno un poco remunerativa o tutti i quattrini ( pubblici, cioè della comunità;) sono andati a "fondo perduto"? O siamo davanti all'ennesimo "buco nero" di assistenzialistica memoria? Di tanto in tanto un poco di analisi "costi- benefici" andrebbe fatta ( non altre pagliacciate di ben note e sedicenti "analisi" costi-benefici…..) ….tanto per capire...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Auto in fiamme a Sant'Angelo e Acque Chiare: bimba in ospedale

  • Cronaca

    Il nuovo questore: “Sono sempre stato poliziotto da marciapiede”

  • Cronaca

    Tedesco: “Sono io quello della rapina, ho sbagliato”. Protino: “Non ne so niente”

  • Green

    Parco Cesare Braico, Rossi: "Ripristinato l'impianto di illuminazione"

I più letti della settimana

  • Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Tragedia sulla provinciale: oggi l'ultimo saluto a Sarah, Giulia e Davide

  • Auto contro scooter nel centro abitato: un 14enne in Rianimazione

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

Torna su
BrindisiReport è in caricamento