Next Energy, tra i dieci progetti per la finale due sono pugliesi

La call o ideas promossa da Terna e Cariplo, che premia il team vincitore con voucher in servizi di 50mila euro

Preinvel e Solqube sono i due progetti innovativi pugliesi, rispettivamente di Taranto e Bari, selezionati per entrare in un percorso di empowerment imprenditoriale e di accelerazione, candidati a vincere la terza edizione della Call for Ideas di Next Energy, l’iniziativa promossa da Terna, Fondazione Cariplo e Cariplo Factory per individuare i nuovi talenti nel settore dell’innovazione tecnologica.

La giuria presieduta da Catia Bastioli, presidente di Terna, ha selezionato 10 progetti innovativi o start up di maggiore interesse relativamente alle aree di applicazione specificate nel bando nell’ambito della sostenibilità ambientale nel settore energetico: Green Technologies, E-mobility, Energy storage, Sensoristica e Internet of Things, Soluzioni smart per la manutenzione degli asset elettrici, soluzioni-tecnologie al servizio della rete elettrica, Energy harvesting,  Tool e sensori di analisi e misurazione dell’inquinamento, Monitoraggio e analisi della crescita della vegetazione.

Next Energy-2

I progetti selezionati, che devono avere almeno un componente del team di innovatori di età inferiore ai 35 anni, stanno ora beneficiando di un percorso di empowerment imprenditoriale e di accelerazione della durata di 3 mesi, curato da Cariplo Factory. L’evento di chiusura della terza edizione di Next Energy, che vedrà la proclamazione del team-progetto vincitore di un voucher di 50.000 euro in servizi, avrà luogo a Milano, a maggio, presso Fondazione Cariplo.

Preinvel, proposto da Angelo di Noi, Francesco Ribezzo e Roberto Demurtas, con sede a Grottaglie (Ta) ha sviluppato una tecnologia di filtraggio per ridurre le emissioni di polveri ed inquinanti. La soluzione proposta è costituita da un condotto con delle sezioni che permettono di intercettare le polveri e far uscire aria pulita e filtrata. Risulta pertanto un filtro capace di garantire la riduzione dei livelli di emissione di polveri, micropolveri inferiori a 1 micron e inquinanti, utilizzando serbatoi differenti che ne permettono anche l’eventuale riutilizzo nel ciclo produttivo. Preinvel si è anche aggiudicato il primo premio della ERG RE Generation Challenge organizzato da DPIXEL.

Solqube, proposto da Antonio e Floriana Boezio di Bari, ha sviluppato un impianto solare portatile 3D in un metro cubo, da 1 KW, in grado di alimentare ambienti chiusi grazie ai pannelli fotovoltaici a doppia interfaccia: tali pannelli brevettati vengono disposti verticalmente anziché orizzontalmente, catturando così più luce e risparmiando lo spazio occupato dell’80% rispetto ad un sistema solare 2D. La particolarità dei pannelli è che contengono superfici riflettenti che consentono di riflettere a loro volta la luce tra i pannelli adiacenti, aumentando così l’efficienza complessiva del sistema.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio nella notte: distrutta casetta in legno e danneggiato pub

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale nel centro abitato: donna in ospedale

  • Cronaca

    Rapinatore armato di pistola piomba in farmacia e porta via 600 euro

  • Cronaca

    Rubano auto a un'anziana: "La usava per andare a fare fisioterapia"

I più letti della settimana

  • Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • Tamponamento a catena sulla superstrada: un'auto si ribalta

  • Scu, il nuovo pentito: “La mia latitanza tra Fasano e Porto Cesareo”

  • "Dopo l'incidente torno alla mia vita: grazie a medici e infermieri del Perrino"

  • Brindisi già capitale: Forza Italia ci riprova, depositata proposta di legge

  • Cipolle di cocaina, coppia brindisina finisce sotto indagine

Torna su
BrindisiReport è in caricamento