Irregolarità nei cantieri: denunciati 4 imprenditori, una sospensione

Nuovo servizio dei carabinieri del Nil: undici lavoratori irregolari e quattro in nero nelle sette aziende controllate

BRINDISI – Quindici lavoratori su 15 controllati erano in posizione irregolare (undici) oppure impiegati totalmente in nero (gli altri quattro). E’ il bilancio dei controlli condotti su sette aziende del territorio da parte dei carabinieri del nucleo (Nil) che opera presso l’Ispettorato del lavoro di Brindisi, nell’ambito dell'attività ispettiva sul fenomeno del lavoro sommerso e irregolare e di  verifica del rispetto della normativa di tutela della salute sui luoghi di lavoro, in uno scenario nazionale segnato da un numero impressionante di incidenti, molti dei quali mortali.

In seguito a tali accertamenti, il Nil ha denunciato a piede libero quattro persone, responsabili, a vario titolo, di violazioni cui al decreto legislativo 81/2008 "Testo Unico Sicurezza nei luoghi di lavoro". Sono state elevate inoltre sanzioni amministrative per un importo totale di 15.700 euro, e contestate ammende per un totale di 30.300 euro. Inoltre, in un caso, i carabinieri del Nil hanno adottato il provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale in ottemperanza all’articolo 14 della stessa legge.

Potrebbe interessarti

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Conservazione dei cibi: sai quali sono quelli da tenere fuori dal frigo?

  • Open space: il frigorifero intelligente per la vostra casa

  • Bidoni della spazzatura: come pulirli e igienizzarli

I più letti della settimana

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • “Mettiti sul letto sennò ti ammazzo”: arrestato per violenza sessuale e rapina

  • “Scu, nuove leve in gruppi tipo gangsteristico. Unione tra Brindisi e Lecce”

  • Muore sul tavolo operatorio dopo nove ore: avviate le indagini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento