I sindacati rilanciano: "Nel sito della centrale A2A ricicliamo i rifiuti urbani"

sindacati di categoria Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil, alla luce dell'avvio delle procedure di licenziamento e di mobilità del personale della centrale Edipower di Brindisi, rilanciano l'appello per riconvertire il sito in una struttura per la chiusura virtuosa del ciclo dei rifiuti

La centrale Edipower-A2A di Brindisi

BRINDISI - I sindacati di categoria Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil, alla luce dell'avvio delle procedure di licenziamento e di mobilità del personale della centrale Edipower di Brindisi, rilanciano l'appello per riconvertire il sito in una struttura per la chiusura virtuosa del ciclo dei rifiuti. In una nota diffusa stasera (stamani c'era stata quella del Cobas) fanno presente che oltre all'incontro del 22 ottobre in prefettuta tra le parti, "la società ha già convocato una seconda riunione presso Confindustria per la scadenza dell’Accordo di solidarietà difensiva, il presidio dell’impianto e procedere alla smobilitazione dell’organico della centrale di Brindisi e il trasferimento definitivo del personale presso altri impianti, a partire dalla Centrale del Friuli di Monfalcone".

"Per tutto quanto sopra esposto, Filctem  Flaei  Uiltec e i lavoratori della centrale Edipower di Brindisi, fanno appello alla sensibilità politico istituzionale di Comune, Provincia e Regione, per rivendicare, anche, in linea con la revisione del Piano Energetico Ambientale Regionale - è la proposta - un nuovo Polo di energie rinnovabili innovative e contribuire allo sviluppo sostenibile del sito industriale di Brindisi, rilanciando una collaborazione con Cittadella della Ricerca e Università del territorio".

"La conferma dei posti di lavoro e degli occupati sul territorio, passa dalla possibilità di richiedere un contributo impegno al Gruppo industriale A2A, leader a livello europeo del settore, ad investire a Brindisi nella nuova impiantistica prevista dal Piano Regionale dei Rifiuti Solidi Urbani, a partire - dicono i sindacati confederali - dagli impianti mancanti per il trattamento dei rifiuti della nostra provincia e dagli impianti per il recupero di materia, vetro, alluminio, plastica".

"Un progetto complessivo per integrare l’impianto fotovoltaico tradizionale esistente, con un nuovo impianto fotovoltaico innovativo solare termodinamico e nuovi impianti di digestione anaerobica di rifiuti agroalimentari, organici differenziati, biomasse per la produzione di biogas e cogenerazione energia-calore, contribuendo alla chiusura del ciclo dei rifiuti e a ridurre, fino ad eliminare, il ricorso alle discariche", spiegano i sindacati. "Per tutto quanto sopra esposto Filctem Flaei Uiltec - è l'invito - rilanciano la necessità di uno specifico Accordo di programma, tra istituzioni locali, aziende e organizzazioni sindacali per salvaguardare a Brindisi occupazione e investimenti"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento