Il piazzale di via Spalato "requisito" per un mese solo per Tir e imbarchi

BRINDISI – Per un mese , da stamani alle 8 sino a fine agosto, il piazzale di via Spalato sarà riservato interamente al parcheggio e all’incolonnamento dei veicoli, auto e Tir, destinati all’imbarco per Valona. Lo stabilisce l’ordinanza numero 14 del 28 luglio 2010 firmata dal presidente dell’Autorità portuale, Giuseppe Giurgola, per agevolare e snellire il traffico attorno al Terminal di Levante, dove attraccano le navi che servono il collegamento con Valona. Se ciò che si desume dal testo dell’ordinanza stessa, ma anche dalle planimetrie allegate, è esatto, diventerà quasi impossibile trovare un posto auto in un vasto raggio attorno alla questura e alla parte terminale di via Provinciale per Lecce, e lo stesso discorso vale per il personale della Polizia di Stato.

Tir nel piazzale di via Spalato

BRINDISI – Per un mese , da stamani alle 8 sino a fine agosto, il piazzale di via Spalato sarà riservato interamente al parcheggio e all’incolonnamento dei veicoli, auto e Tir, destinati all’imbarco per Valona. Lo stabilisce l’ordinanza numero 14 del 28 luglio 2010 firmata dal presidente dell’Autorità portuale, Giuseppe Giurgola, per agevolare e snellire il traffico attorno al Terminal di Levante, dove attraccano le navi che servono il collegamento con Valona. Se ciò che si desume dal testo dell’ordinanza stessa, ma anche dalle planimetrie allegate, è esatto, diventerà quasi impossibile trovare un posto auto in un vasto raggio attorno alla questura e alla parte terminale di via Provinciale per Lecce, e lo stesso discorso vale per il personale della Polizia di Stato.

Per quanto riguarda  sempre polizia e cittadini, la parte di via Perrino che fiancheggia la questura ha solo il lato destro utilizzabile per la sosta, ma è un tratto molto breve. Il lato sinistro è interdetto per ragioni di sicurezza. Poi via Perrino diventa un imbuto con auto assiepate su entrambi i lati, nelle cunette, anche con via Spalato aperta. L’ordinanza è una sorpresa quasi per tutti. La valutazione vincente probabilmente è stata quella che è meglio creare disagi della durata di un mese alle esigenze di parcheggio dei brindisini e del personale della questura, piuttosto che appesantire il traffico nella parte terminale di via Provinciale per Lecce – uno degli accessi più importanti della città – con Tir e auto incolonnati anche fuori dall’area demaniale.

Non sappiamo se gli uffici competenti del Comune di Brindisi siano stati coinvolti in questa decisione. Certo è che non ci sono comunicato né dell’Autorità Portuale, né del Comune e neppure della polizia municipale. Evidentemente saranno le guardie giurate dell’Ati Sicurpol-Italpol ad informare i cittadini. Si vedrà stamani come funzionerà la cosa, e cioè se sarà applicata una certa elasticità o se invece via Spalato sarà drasticamente chiusa salvo la strada comunale che conduce al varco doganale di ingresso alla zona degli imbarchi.

La situazione di via Spalato è un tormentone dell’estate brindisina, sia per l’assenza assoluta di servizi ai passeggeri in attesa, sia per l’impatto sul traffico del movimento di Tir ed auto nelle settimane di punta (piena estate, festività natalizie e pasquali), sia per il solito ritardo nell’attuazione del progetto che dovrebbe modificarne l’assetto, con un avanzamento del varco. Ma anche perché il Comune non ha ancora risolto il problema del parcheggio nell’area della questura, indipendentemente dalle ordinanze dell’Autorità portuale. Nel pacchetto di “Brindisi Città d’Acqua” bisogna metterci anche questo problema.

Il presidente dell’Authority, Giurgola, reclama spazi vitali e sta impegnando nella “battaglia di agosto” anche la banchina Calefati del Seno di Levante, quella esattamente di fronte al terminal di imbarco e sbarco per l’Albania. Eccezionalmente la Marina Militare ha concesso il passaggio per alcune settimane spalancando il cancello della servitù della ormai inutile ex Zona Nafta – che tagliava in due questo settore del porto – mettendo finalmente in comunicazione le due sponde del Seno di Levante. I Tir diretti all’imbarco potranno così entrare anche dal varco di via delle Bocce, oltre che da via Spalato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere contromano, un morto e due feriti: arrestato

  • Cattivi odori dalla lavatrice: alcuni rimedi naturali per eliminarli

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento