Imprese aerospazio, patto per innovazione

BARI - Tutto il sistema aerospaziale pugliese on line per favorire i processi di supply-chain e il trasferimento di innovazione e conoscenze dalle grandi alle piccole imprese. E' lo scopo di un protocollo siglato recentemente tra Arti e Dta.

Strutture di elicotteri in Agusta Westland Brindisi

BARI - Stimolare i processi di innovazione e competitività nel settore aerospaziale pugliese: è questo il principale obiettivo della convenzione siglata tra l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione (Arti) e il Distretto Tecnologico Aerospaziale pugliese (Dta).

L’accordo prevede innanzi tutto la realizzazione di un’analisi del sistema aerospaziale pugliese e dei soggetti pubblici e privati che lo compongono, al fine di ottenere una descrizione del sistema stesso, nonché i dati aggiornati sulle capacità tecnologiche, sulle competenze e sui brevetti in possesso degli attori che vi aderiscono.

Ciò consentirà l’individuazione di un sistema per l’interconnessione informatica tra i partner del Distretto aerospaziale, che favorisca la conoscenza reciproca e il trasferimento tecnologico tra le grandi imprese e quelle piccole e medie. Oltre al rafforzamento della dimensione di rete del settore aerospaziale regionale, il protocollo impegna l’Arti e il Distretto a svolgere studi e analisi sulle tendenze tecnologiche e di mercato, per individuare le performance degli attori principali e per diffondere informazioni relative al Distretto.

Si tratta dunque di porre le basi per definire una vera e propria grande impresa estesa su rete informatica, attraverso lo sviluppo di un sistema che metta in contatto quelli delle grandi aziende con i sistemi minori (e a volte inesistenti) delle piccole e medie imprese partner, al fine di ridurre i divari tecnologici e informativi.

Ciò permetterà, ad esempio, la condivisione delle competenze all’interno della stessa filiera produttiva, consentendo alle piccole e medie imprese di compensare le proprie carenze organizzative ed informatiche, nonché la condivisione della cultura industriale necessaria per stare dentro ai processi di produzione, assimilandone le operazioni fondamentali di organizzazione, pianificazione, controllo, tempistica attività di disegno e progettazione.

Il sistema, inoltre, permetterà alle grandi imprese di conoscere e valutare le competenze e il livello innovativo dei potenziali partner industriali di piccola e media dimensione. I risultati raggiunti da questo modello di gestione del sistema rafforzeranno il contributo e la presenza del Dta pugliese nel cluster nazionale dell’aerospazio, di cui è uno dei soggetti fondatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le attività che nasceranno a breve nell’ambito del protocollo d’intesa costituiranno poi un’esperienza pilota anche per gli altri distretti tecnologici e produttivi regionali. Il protocollo d’intesa è stato firmato dalla presidente Giuliana Trisorio Liuzzi per l’Arti e dal presidente Giuseppe Acierno per il Dta. La convenzione rientra nel progetto “Innovazione per l’Occupabilità” - Azione a supporto del Piano Straordinario per il Lavoro 2011 della Regione Puglia, cofinanziato dall’Unione europea attraverso il PO Puglia FSE 2007-2013.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento