Sanitaservice: sindacati contro l'esternalizzazione del servizio pulizia

I rappresentanti di Fp Cgil e Uil Fpl hanno incontrato in prefettura il presidente della task force regionale

BRINDISI – Il nodo riguardante l’esternalizzazione del servizio pulimento della Sanitaservice è stato al centro di un incontro svoltosi stamattina presso la prefettura di Brindisi, in presenza del presidente della task force regionale per le emergenze occupazionali, Leo Caroli, e dei rappresentanti dei sindacati Fp Cgil e Uil Fpl. Sono circa 280 i lavoratori che guardano con preoccupazione alla prospettiva di un passaggio dalla società in house dell’Asl Brindisi a una citta privata. 

“È appena il caso di ricordare – si legge in un comunicato congiunto della Fp Cgil e della Uil Fpl - come negli anni passati si sia molto combattuto per riuscire ad ottenere l’internalizzazione dei servizi sanitari appaltati all’esterno in Asl Br, tra cui quello di pulizia e sanificazione”. “Si tratta di una straordinaria esperienza gestionale riformista ed innovativa che ha determinato un nuovo modello di sistema sanitario e sociale che riaffida alla mano pubblica importanti  servizi, contrastando l’idea liberista incentrata sul mercato tipico di una logica '’compra-vendita'’, dove l'Asl diviene soggetto acquirente e non produttore, teso alla esternalizzazione dei servizi”. 

“Riuscire a creare stabilità in questi servizi  - si legge ancora nella nota sindacale - significa maggiore controllo sui processi  organizzativi e sullo stesso risultato  da offrire all’utente finale che, nel caso di specie è rappresentato da degenti, ma soprattutto migliora la qualità dei servizi, in primis il servizio igienico e di sanificazione delle strutture sanitarie”.

“Tuttavia tutti i servizi internalizzati della Asl Br – proseguono i sindacati - sono ormai incardinati definitivamente nel “governo pubblico” tranne il predetto servizio di pulimento e sanificazione che conta ben 280 addetti, atteso che un’azienda ha ritenuto avviare ricorso avverso tale processo di internalizzazione, che è sfociato in una pronuncia con cui veniva annullata la  deliberazione n. 1487/2014 in forza della quale l’Azienda sanitaria locale di Brindisi aveva disposto l’affidamento diretto del servizio di pulizia e sanificazione in favore della  propria società in house Sanitaservice Asl Br s.r.l.” 

“Allo stato, dopo una serie di ulteriori passaggi dinanzi alla Magistratura Amministrativa, pare siano maturi i tempi per l’ottemperanza della sentenza. In buona sostanza, i lavoratori già stabilizzati  all’interno della società partecipata di Asl Br, con questa pronuncia, a breve saranno costretti a divenire nuovamente lavoratori del privato, con tutte le implicazioni di carattere vertenziale, atteso che i lavoratori non hanno nessuna intenzione di veder nuovamente peggiorate le loro condizioni di vita lavorativa. Ma soprattutto si vuole evitare che venga inficiata una eccezionale esperienza di buon governo della Pubblica Amministrazione tesa ad uscire da un’impronta privatista del sistema sanitario che ha determinato - negli anni precedenti - un netto peggioramento delle condizioni contrattuali dei lavoratori”.

“In definitiva, le Parti Sociali hanno proposto agli interlocutori Istituzionali intervenuti una serie di soluzioni di merito per risolvere la problematica in questione, condividendo l’assoluta ed ineludibile necessità di evitare l’esternalizzazione del servizio pulimento”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento