Cgil in piazza per i nuovi referendum su voucher e responsabilità appalti

Sulla giornata di mobilitazione nazionale della Cgil sui due nuovi quesiti referendari sui voucher e sulla responsabilità solidale di appaltanti e appaltatori, che sabato mattina interesserà anche Brindisi, un intervento del segretario generale della Cgil, Antonio Macchia

BRINDISI - Sulla giornata di mobilitazione nazionale della Cgil sui due nuovi quesiti referendari sui voucher e sulla responsabilità solidale di appaltanti e appaltatori, che sabato mattina interesserà anche Brindisi con una manifestazione a piazza Vittoria, riceviamo e pubblichiamo un intervento del segretario generale della Cgil della provincia di Brindisi, Antonio Macchia.

La Cgil come sempre è in campo al fianco dei lavoratori. Dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale del gennaio scorso, la campagna Cgil per i due sì ai Referendum su voucher e appalti prende il via con una prima iniziativa che si terrà in tutta Italia sabato 11 febbraio

Per inquadrare il senso del quesito referendario in materia di responsabilità solidale negli appalti, occorre fare alcune considerazioni di fondo; i referendum promossi dalla Cgil sono la promanazione della  proposta di legge d’iniziativa popolare denominata Carta dei diritti universali del lavoro che, in un progetto di riforma complessiva del mondo del lavoro e di allargamento delle tutele e delle garanzie per i lavoratori, si occupa anche degli appalti. 

Per la prima giornata nazionale dedicata al referendum per “l’abrogazione dei voucher” e per la “responsabilità solidale in materia di appalti”, anche a Brindisi si alzeranno in cielo centinaia di palloncini con gli slogan dei due referendum popolari per il lavoro. I voucher hanno avuto un’impennata, solo nei primi 10 mesi del 2016 ne sono stati venduti 121,5 milioni da 10 euro, +32,3%.  Nello specifico  la Puglia,  ha visto esplodere i voucher da 1,1 milione del 2013 ai 5,7 milioni sino all’ottobre  2016.

Questa vergogna legalizzata è il frutto di una politica indolente, che da tempo ormai si è occupata soprattutto del profitto economico,  noncurante del fatto che quella politica avrebbe schiacciato la dignità di tutti quegli uomini e donne che quotidianamente e con onestà,  con il loro lavoro arricchiscono l’Italia,  ma ultimamente non riescono nemmeno a viverci con quelle esigue somme.

Ee questo fa anche maggiore rabbia se si considera che la nostra Carta Costituzionale  nei suoi precetti prevede ben altro all’ art.36 ( “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa”). I voucher negano tutto ciò.

Così come per il quesito sulla responsabilità  negli appalti. Ad essere interessato è l’art.29 Legge Biagi nella sua attuale formulazione. Il quesito chiede che ci sia un’uguale responsabilità, in tutto e per tutto (responsabilità solidale), tra appaltatore e appaltante nei confronti dei lavoratori che di quell’appalto o sub appalto sono stati parte attiva.

 Con l’abrogazione delle norme che limitano la responsabilità solidale degli appalti si  difendono i diritti dei lavoratori occupati negli appalti e sub appalti coinvolti in processi di esternalizzazione, assicurando loro tutela dell’occupazione nei casi di cambi d’appalto e contrastando le pratiche di concorrenza sleale assunte da imprese non rispettose del dettato formativo. Il lavoro deve tornare ad essere un modo per ridare  dignità a tutti coloro che ogni giorno  vivono lavorando.

In ogni caso il nostro pensiero rimane saldo anche e soprattutto al quesito referendario che non ha passato il vaglio della Corte: la riforma dell’art.18 dello Statuto dei Lavoratori”. Ogni giorno la Cgil si batte per far si che la normativa in vigore sia  messa in secondo piano, a favore di una maggiore tutela della occupazione. Nello specifico la Cgil della Provincia di Brindisi nei passaggi di cantiere,  sino ad oggi,  ha sottoscritto numeroso accordi che riconoscono la non applicazione dell’art.18 nella nuova formulazione. Per il futuro si insisterà affinché questa  norma torni a restituire la serenità ai lavoratori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Dopo il Compro oro, il Dok: due rapine in meno di cinque ore a Brindisi

    • Cronaca

      Folle inseguimento sulla superstrada: fuggitivo fermato dai carabinieri

    • Cronaca

      Clandestino si tuffa due volte dal traghetto: ripescato ed espulso

    • scuola

      Festa finale per l'English Summer Camp S.Elia-Commenda

    I più letti della settimana

    • A Parigi firmato anche il futuro di Brindisi: fuori dal carbone entro il 2030

    • Gse industria aeronautica, bando per la vendita dopo il fallimento

    • “Cerano, fine dell’appalto per la security: 30 posti a rischio”

    • A Parigi incontri Regione-Leonardo sulle commesse in Puglia

    • Il Sunia su sfratti e fabbisogni: "Dati Istat su Brindisi non chiari"

    • Tecnomessapia: 175 lavoratori a rischio. “Noi ignorati dalle istituzioni”

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento