L'ultima bozza di riforma dei porti conferma: Brindisi sarà accorpato

E' già stato deciso il futuro del porto di Brindisi: la sua gestione sarà condivisa con quella di un dei due porti "core" pugliesi: Bari o Taranto, più probabile Bari anche per ragioni geografiche. Lo conferma l'unica bozza di riforma della portualità italiana giunta sul tavolo dei "saggi" che il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ha designato

Il porto medio di Brindisi

BRINDISI – E’ già stato deciso il futuro del porto di Brindisi: la sua gestione sarà condivisa con quella di un dei due porti “core” pugliesi: Bari o Taranto, più probabile Bari anche per ragioni geografiche. Lo conferma l’unica bozza di riforma della portualità italiana giunta sul tavolo dei “saggi” che il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ha designato per  definire il piano della logistica e la riforma della legge 84/94. Una bozza che sostanzialmente farina del sacco del Pd, e che è stata discussa giovedì sera in un incontro a tre: il ministro Maurizio Lupi, Deborah Serracchiani e uno dei consiglieri del premier Matteo Renzi,  Luca Lotti.

La bozza, rivela TheMediTelegraph, testata online de Il Secolo XIX di Genova, porta la firma della stessa governatrice del Friuli e dei deputati e senatori democratici. “La stesura è già molto avanzata perché si tratta di un  vero testo di riforma. La parte più interessante – anticipa TheMediTelegraph - è su classificazione e governance dei porti. L’Authority è definita ‘ente economico di rilevanza nazionale a ordinamento speciale’. Viene ribadito che gli scali sono divisi in porti core e comprehensive. Della prima fascia farebbero parte Ancona, Augusta, Bari, Cagliari, Civitavecchia, Genova, La Spezia, Livorno, Gioia Tauro, Napoli, Palermo, Ravenna, Taranto, Trieste, Venezia”.

Questi saranno sede di Autorità portuali, prosegue l’articolo della testata online genovese. “Gli altri enti invece ‘Brindisi, Catania, Manfredonia, Marina di Carrara, Messina, Olbia-Golfo Aranci, Piombino, Salerno, Savona e Trapani’ sono sciolti al più tardi con la scadenza degli organi in carica alla data di entrata in vigore della presente legge e a confluire in una delle autorità portuali’ definite core. La bozza lascerebbe quindi possibilità di scelta alle Authority incorporate di scegliere con chi fondersi”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Prima hanno esagerato con la istituzione dell' Autorità Portuale anche in porti, ove non era assolutamente necessario es. Manfredonia, adesso invece accorpano e sopprimono alcune Autorità portuali, vedi Brindisi, che per tipologia di traffico, per adeguatezza di strutture portuali e servizi, per posizione geografica e, per il suo interland, meritano di rimanere attive. Viceversa sarebbe più utile un coordinamento tra le tre autorità Portuali pugliesi per settorializzare ed evitare dannose ed inutili concorrenze. Ma questo è un altro discorso!

  • lo sapevo io, a forza di litigare andremo in mani baresi e siamo fregati

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Troppe le sfiammate, una commissione cercherà delle soluzioni"

  • Politica

    Scontro sulle nomine Fal: "Rischiamo ritardi nelle nuove opere"

  • Cronaca

    Va a rubare in chiesa, ma il parroco lo scopre. Arrestato un brindisino

  • Cronaca

    Esce da casa e non dà più notizie: attivate le ricerche di un 62enne

I più letti della settimana

  • Saccheggiata piantagione di canapa light: "Dovrò emigrare di nuovo"

  • Controlli a sorpresa ai proprietari di animali domestici: una multa

  • Auto contro moto nel centro abitato: tre persone in ospedale

  • Nonno Vito, troppa foga: stava verniciando pure la cattedrale

  • "Dammi i soldi e nel cantiere non succederà nulla": arrestato

  • Ladri indisturbati nella sede della Protezione Civile: bottino ingente

Torna su
BrindisiReport è in caricamento