Mandorla brindisina: nasce il consorzio

BRINDISI – Una una risorsa del territorio da valorizzare per il rilancio dell’agricoltura dell’Alto Salento. Fari puntati, dunque, sulla mandorla che proprio in alcuni centri del brindisino viene utilizzata per realizzare prodotti dolciari di altissima qualità. Ancora oggi rappresentano una componente fondamentale della gastronomia pugliese, al punto da essere immancabili durante le ricorrenze festive nelle loro infinite varianti.

Alcuni ristoratori cegliesi

BRINDISI – Una una risorsa del territorio da valorizzare per il rilancio dell’agricoltura dell’Alto Salento. Fari puntati, dunque, sulla mandorla che proprio in alcuni centri del brindisino viene utilizzata per realizzare prodotti dolciari di altissima qualità. Ancora oggi rappresentano una componente fondamentale della gastronomia pugliese, al punto da essere immancabili durante le ricorrenze festive nelle loro infinite varianti.

Da qui la decisione di costituire un Consorzio per la valorizzazione della mandorla che consenta ai produttori di affacciarsi sui mercati nazionali ed internazionali e, soprattutto, di recuperare frammenti di cultura, di storia, di agricoltura di un territorio meraviglioso. Cinque le prelibatezze che il Consorzio raccoglie: il biscotto di Ceglie Messapica, il confetto riccio di Francavilla Fontana, il fico mandorlato di San Michele Salentino, la mandorla zuccherata di Cisternino e la pasta reale di Villa Castelli.

La Presentazione ufficiale avverrà domenica prossima (alle ore 18), presso il castello ducale di Ceglie Messapica. Dopo i saluti del sindaco di Ceglie Luigi Caroli, sono previsti gli interventi dei rappresentanti dell’Amministrazione provinciale, di Francesco Nacci (dell’agenzia regionale Pugliapromozione), dell’agronomo Felice Suma (Presidente del Consorzio per la tutela del biscotto di Ceglie Messapicia), di Angelo Sibello (presidente dell’Associazione “Ceglie è…”, di Pasquale Venerito (presidente dell’associazione “Passoditerra”), di Antonello Del Vecchio (Governatore Slow Food Puglia), di Marcello Longo (fiduciario e coordinatore Presidi Slow food Puglia) e del dottor Agostino Grassi (segretario della Fondazione Dieta Mediterranea).

Parte dal Consorzio del Biscotto di Ceglie Messapica già “Presidio” Slow Food in collaborazione con le associazioni “Passoditerrra” e “Ceglie è…” l’idea di realizzare il distretto della mandorla e di coinvolgere tutti i vari produttori e trasformatori dei Comuni di Cisternino, Francavilla Fontana, San Michele Salentino, Ceglie Messapica e Villa Castelli.  Sepp d’amic, Spappacarnale, Sciacallo, Zia Pasqua, Gianfreda, Mingunna sono solo alcune delle varietà di mandorle ancora presenti sul territorio brindisino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vogliamo realizzare il distretto della mandorla avendo più di 40 tipologie di mandorle autoctone a disposizione” afferma Angelo Silibello dell’Associazione “Ceglie è…”.  “Piuttosto che lasciarci sfruttare dalle mandorle spagnole e californiane che ormai stanno facendo piazza pulita - aggiunge - vogliamo rilanciare al meglio questo nostro frutto. Le mandorle che importiamo e che arrivano già pulite sono coltivate con metodi industriali e sono irrorate da antiparassitari e antimuffe. Sono lisce, facili da lavorare e giungono a prezzi talmente bassi da piegare la coltivazione delle nostre varietà autoctone. Il Consorzio della Mandorla Brindisina invece - sottolinea Silibello - vuole sollevare l’economia dei nostri contadini e far conoscere la bontà della nostra mandorla che è un ingrediente fondamentale della dieta mediterranea, il metodo alimentare riconosciuto dall’Unesco patrimonio immateriale della Umanità”. Dopo la presentazione seguirà una degustazione i prodotti tipici a base di mandorla brindisina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Dopo le ultime notizie politica durissima con i vertici Asl Brindisi

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento