Per la revisione dell'Aia della centrale di Cerano nuovo step il 28

Riprenderà il 28 aprile, sempre presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’iter di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale per la centrale termoelettrica a carbone di Cerano, chiesto e ottenuto dalla Regione Puglia

Riprenderà il 28 aprile, sempre presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’iter di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale per la centrale termoelettrica a carbone di Cerano, chiesto e ottenuto dalla Regione Puglia, le cui prescrizioni sono state contestate in toto da Enel Spa, che le ritiene eccessivamente restrittive. Su questo infatti verterà il nuovo appuntamento del tavolo tecnico, dopo la seduta interlocutoria di oggi, in cui – secondo un comunicato del Comune – il sindaco di Brindisi, Angela Carluccio, ha ribadito la propria contrarietà al rilascio dell’Aia per la centrale “Federico II”.

Il Comune di Brindisi chiede che in sede di revisione Aia si tenga conto anche del danno sanitario della termoelettrica di Cerano, ed ha consegnato al coordinatore del tavolo tecnico la documentazione che aveva ricevuto dalle associazioni ambientaliste locali. Il comunicato annuncia che il Ministero della salute sarebbe disposto a partecipare a Brindisi “a un tavolo tecnico per esaminare la situazione, proprio alla luce del dossier e del possibile nesso di causalità tra l’elevato numero di decessi per patologie correlabili e le emissioni della Federico II”. Tesi, quest’ultima, smentita da Enel.

Il sindaco ha fatto sapere, infine, che relazionerà sull’incontro romano di oggi alla conferenza dei capigruppo. Anche i sindacati confederali di categoria avevano chiesto di interloquire con Angela Carluccio, in una data precedente alla sessione odierna del tavolo tecnico, ma a quanto pare la richiesta di un confronto sullo stato del polo energetico e di un programma di investimenti ambientali da chiedere alla società elettrica è stata ignorata.

Appena alla fine dello scorso mese di febbraio il sindaco di Brindisi aveva incontrato una delegazione Enel guidata dall’ingegnere Cinzia Corsetti, in cui si era discusso di una collaborazione della società elettrica con l’amministrazione civica per obiettivi di promozione sociale e culturale. Pungolata e criticata dalle opposizioni, il sindaco aveva affermato che in quella sede non si era parlato di riesame dell’Aia per Cerano, ma appunto di altre questioni, e che la faccenda del rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale nulla aveva a che vedere con l’incontro di quel giorno.

Ma tra investimenti per migliorare l'ambientalizzazione della centrale e abbattere ulteriormente il carico delle emissioni, e investimenti per iniziative sociali e culturali, le priorità sono evidenti. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere contromano, un morto e due feriti: arrestato

  • Cattivi odori dalla lavatrice: alcuni rimedi naturali per eliminarli

  • Falso allarme bomba: tribunale di Brindisi evacuato per due ore

  • Temporali e scirocco: allerta meteo gialla per Brindisi e Salento

  • Anziani investiti e uomo colto da malore: momenti di paura in centro

  • Fa sesso con prostituta, poi si impossessa del suo borsellino: nei guai 87enne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento