Avio Aero: "Nuovi investimenti e nuove assunzioni per il sito di Brindisi"

Firmato l'accordo di secondo livello. La Fismic: "Gli investimenti 2015- 2019 riguarderebbero circa 80 milioni di euro su un complessivo di circa 350 milioni distribuiti tra i vari siti italiani"

BRINDISI – Ottanta milioni di investimenti sul sito di Brindisi e decine di nuove assunzioni, entro i primi mesi del 2018. E’ quanto previsto dall’ipotesi di accordo di secondo livello dei dipendenti dell’azienda Avio Aero firmata lo scorso 29 dicembre a Torino, in presenza della direzione aziendale e della segreteria nazionale Fismic (Sindacato autonomo metalmeccanici e industrie collegate), unitamente alla Rsu Fismic Confsal Avio Aero. 

“L’intesa raggiunta – si legge in una nota della Fismic - permetterà di riorganizzare al meglio le problematiche ancora aperte dopo l’acquisizione da parte di Ge. Il mercato aeronautico vede crescere i programmi civili; in netta decrescita, invece, i programmi militari che in passato, specie nel sito di Brindisi, avevano caratterizzato la produzione”. “L’attuale scenario si caratterizza per i nuovi programmi aeronautici che andranno a sostituire i vecchi, in tempi relativamente brevi - fa sapere il Segretario Fismic di Brindisi Davide Sciurti – Genx, Leap, Ge9X sono il futuro, mentre altri programmi hanno una sempre maggiore contrazione produttiva. In ragione di tale scenario, tutte le risorse umane saranno chiamate a fortificare la già esistente propensione a migliorare efficienza e flessibilità”. 

Per quanto riguarda il sito di Brindisi, gli investimenti 2015- 2019 riguarderebbero circa 80 milioni di euro su un complessivo di circa 350 milioni di euro distribuiti tra i vari siti italiani. “Un’ulteriore strategia che condividiamo sono gli importanti progetti di sviluppo in collaborazione con le Università Italiane”: prosegue Sciurti. Fondamentali, inoltre, sono i rapporti di cooperazione e i piani di sostegno agli investimenti, come ad esempio i contratti di programma regionali. 

Dal punto di vista delle tecnologie, la più importante per il gruppo, al momento, è Additive Manufacturing (fabbricazione a strati di materiale con tecnologie 3D), ma l'industria 4.0 porterà ancora profondi cambiamenti e per questo motivo ci sarò bisogno anche di un sindacato e di lavoratori sempre più coinvolti in un processo di partecipazione. 

In quest’ottica, vengono confermati tutti gli assetti industriali e di sviluppo per ogni sito con relati