Prima immissione di metano nel gasdotto Tap. Entro il 2020 in Puglia

Operazioni in corso da lunedì 25 novembre dal confine turco alla stazione di compressione di Kipoi in Grecia

A partire da lunedì 25 novembre, Tap (Trans Adriatic Pipeline AG) ha iniziato a immettere il primo gas nella sezione del gasdotto tra il fiume Maritza (Evros) e la stazione di compressione di Kipoi in Grecia. Si tratta dell’avvio della fase di collaudo del gasdotto che verificherà la sicurezza dell’infrastruttura e la sua piena conformità agli standard operativi e di sicurezza nazionali e internazionali. L’immissione di metano nel gasdotto è un altro fondamentale passaggio per l’inizio delle consegne in Europa del gas del giacimento di Shah Deniz II. L’inizio dei flussi commerciali di gas attraverso Tap è previsto per ottobre 2020.

Dopo il collaudo della prima sezione (dai giacimenti dell’Azerbaijan alla prima sezione di Tap, il gas vene convogliato attraverso la Turchia dal gasdotto Tanap, cui è collegato il tratto azero-georgiano che si chiama Scp) , il gas sarà progressivamente immesso nelle altre sezioni greche del gasdotto e poi in Albania e in Italia nei prossimi mesi. Parte del Corridoio meridionale del gas, 3500 chilometri di progetto del valore di 40 miliardi dal Mar Caspio all’Europa, Tap offrirà ai paesi europei (a partire da quelli dell’Europa sudorientale) un accesso al gas naturale diretto e a costi competitivi. 

Come sottolinea Ricardo Ruiz Nuñez, direttore delle operations di Tap, «la sicurezza è la nostra priorità, e ci siamo preparati meticolosamente per questo importante passo. Iniziamo l’immissione del gas nell’infrastruttura nel quadro del nostro impegno per la sicurezza delle persone, per la tutela dell’ambiente e per i migliori standard di qualità. Tap ha seguito un preciso programma di start up readiness assurance per far sì che ogni aspetto della costruzione, del collaudo, dell’avvio operativo e della gestione fosse definito prima dell’immissione del gas nella condotta. E, grazie all’operational readiness programme, il personale di Tap e delle ditte dell’appalto è stato pienamente formato prima dell’inizio di questa importante attività: il fattore umano continuerà nel futuro ad essere l’asset fondamentale per procedere, in Grecia e oltre».

John Haynes, project director di Tap, nota: «Dopo più di tre anni e mezzo dall’inizio della costruzione del gasdotto, con alle spalle 46 milioni di ore lavorate in piena sicurezza e 128 milioni di chilometri percorsi senza alcun incidente rilevante, siamo orgogliosi di avere il gasdotto progressivamente pronto per la complessa fase di collaudo. Dobbiamo ringraziare la nostra rete di appaltatori, subappaltatori e partner che hanno condiviso il nostro impegno per la sicurezza e per i migliori standard del settore contribuendo al raggiungimento di questo importante traguardo».

Per Luca Schieppati, managing director di Tap, «i prossimi mesi saranno fondamentali perché il gasdotto sia collaudato e progressivamente messo in funzione per essere operativo ed iniziare le consegne di gas a ottobre del 2020. Parallelamente ci stiamo preparando per le operazioni commerciali come Operatore di Trasporto Gas e Operatore di Trasporto Indipendente. È stato un cammino entusiasmante grazie al quale assicureremo presto all’Europa una nuova fonte di gas attraverso una nuova rotta, contribuendo così ad un mix energetico più diversificato e sicuro». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento