Elicotteri e delocalizzazioni, Leonardo rassicura ancora i sindacati

Incontro nazionale a Roma. Ma Fiom, Fim e Uilm chiedono un vertice con l'azienda nel sito di Brindisi su turn-over e commesse

Il trend di carichi di lavoro e disponibilità dello stabilimento Leonardo Elicotteri di Brindisi

BRINDISI - Venerdì 12 aprile 2019 presso la sede di Confindustria nazionale a Roma, si e tenuto il tavolo tra la divisione Helicopter Leonardo rappresentata dall'intero staff nazionale e territoriale con a capo l'amministratore delegato Gian Piero Cutillo e il capo delle risorse umane Gianluca Orefice. Per Fiom, Fim e Uilm erano presenti i dirigenti nazionali, i segretari generali territoriali e le Rsu di sito. Il bilancio 2018 per La Leonardo visionato con decine di slide, è risultato più che positivo, sia in termini di fatturato, di produzione, di carichi di lavoro e di aggressione del mercato globale nella vendita e dell'affitto elicotteristico sia civile che militare.

Le previsioni per il 2019 godono più o meno dello stesso ottimismo. Tuttavia pur apprezzando questi dati positivi, il sindacato ha posto delle domande precise circa le preoccupazioni nutrite dalle maestranze brindisine, per il mancato turnover dei lavoratori andati in pensione. Sul timore che molte delle lavorazioni che potrebbero far crescere e sviluppare in termini occupazionali lo stabilimento brindisino, siano invece dirottate verso la Polonia (dove opera il grande sito produttivo della Pzl – Swidnik, azienda controllata da Leonardo).

Fondate preoccupazioni, queste, per le maestranze ma molto meno per l'azienda, annota Angelo Leo, segretario provinciale Fiom Cgil di Brindisi, e che nelle passate settimane sono state la ragione di una giornata di sciopero di 8 ore con blocco dello straordinario. Alle domande poste per la Fiom nazionale da Claudio Gonzato e per le Rsu di sito da Carmine Camposeo, i vertici aziendali hanno ancora una volta risposto che la Polonia non rappresenta un pericolo per il nostro sito.

Cutillo, senza fare promesse, ha dichiarato l'intenzione della Leonardo di rafforzare i carichi di lavoro e di aprire da subito un tavolo di discussione tra azienda ed Rsu a Brindisi. Pertanto la segreteria della Fiom, per lunedì mattina 15 aprile si è data appuntamento nella sede della Cgil con i delegati dello stabilimento di Leonardo Elicotteri per informare, esaminare e studiare un piano di proposte sindacali in difesa della occupazione e dello sviluppo dello stabilimento brindisino.

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

I più letti della settimana

  • Scontro fra tre auto sulla strada per il mare: un morto e nove feriti

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento