Tecnimont, metà senza lavoro

BRINDISI - Con una firma che di fatto accoglie la proposta iniziale dell'azienda che risale a parecchi mesi fa, i sindacati hanno chiuso la vertenza Tecnimont. Il patrimonio professionale ed umano del centro di progettazione di Brindisi sarà disperso: su 67 lavoratori, quasi tutti ingegneri e tecnici altamente qualificati, 27 dovranno andare a Milano presso la sede centrale, dove saranno ricollocati, 25 andranno in mobilità dall'1 ottobre prossimo gli altri sono dimissionari o in età pensionabile.

BrindisiReport.it 9 agosto 2012

BRINDISI - Con una firma che di fatto accoglie la proposta iniziale dell'azienda che risale a parecchi mesi fa, i sindacati hanno chiuso la vertenza Tecnimont. Il patrimonio professionale ed umano del centro di progettazione di Brindisi sarà disperso: su 67 lavoratori, quasi tutti ingegneri e tecnici altamente qualificati, 27 dovranno andare a Milano presso la sede centrale, dove saranno ricollocati, 25 andranno in mobilità dall'1 ottobre prossimo gli altri sono dimissionari o in età pensionabile.

Con la rinuncia a qualsiasi rivalsa, i lavoratori che accetteranno l'accordo sottoscritto dai sindacati riceveranno un'una tantum massima di 13mila euro lordi, soggetta a riduzione se uno dei 27 rinuncerà al trasferimento a Milano. Questo è il triste esito di un percorso in cui il Centro di progettazione Tecnimont di Brindisi era diventato il fiore all'occhiello dell'azienda per la progettazione di impianti chimici, con un portafoglio clienti ampio e qualificato, e commesse ovunque (tra i clienti c'era anche Basell), India inclusa.
Va rimarcata la differenza di atteggiamento osservato dalle istituzioni locali e dai sindacati tra questa vicenda, passata praticamente quasi sotto silenzio, e la bagarre per la chiusura della sede del centro di revisioni e manutenzioni di Alenia Aeronavali, dove - a parte i pensionamenti - l'azienda non aveva tagliato neppure un posto di lavoro, trasferendo il personale di Brindisi (una settantina di unità) nel vicino e modernissimo stabilimento di Grottaglie. La metà dei progettisti di Tecnimont Brindisi saranno invece senza lavoro dall'1 ottobre. La task force della Regione Puglia non è infatti riuscita a trovare una società disposta a rilevare il personale sganciato dal gruppo milanese.

chiusa
metà
mobilità
personale
Tecnimont
vertenza

Commenti