Tempi duri per Nintendo

TOKYO - Per Nintendo il 2012 è un anno di contrazione delle vendite, seguita dalla diminuzione del valore delle console 3DS e Wii, al momento delle loro vendite, legato allo yen forte. Nintendo Co., Ltd di Kyoto, leader mondiale indiscusso nella creazione e nello sviluppo di intrattenimento interattivo, in parvenza della concorrenza di smartphone e tablet, nel passaggio dai vecchi ai nuovi prodotti, ha segnato nel 2011/2012 il primo "rosso" , in 30 anni e la perdita netta di 43,20 miliardi (400 milioni di euro circa), a fronte di utili per 77,62 miliardi nell'anno precedente.

Una Wii

TOKYO - Per Nintendo il 2012 è un anno di contrazione delle vendite, seguita dalla diminuzione del valore delle console 3DS e Wii, al momento delle loro vendite, legato allo yen forte. Nintendo Co., Ltd di Kyoto, leader mondiale indiscusso nella creazione e nello sviluppo di intrattenimento interattivo, in parvenza della concorrenza di smartphone e tablet, nel passaggio dai vecchi ai nuovi prodotti, ha segnato nel 2011/2012 il primo "rosso" , in 30 anni e la perdita netta di 43,20 miliardi (400 milioni di euro circa), a fronte di utili per 77,62 miliardi nell'anno precedente.

In calo del 36% i ricavi, scesi a 647,65 miliardi di yen. Nei prossimi mesi si prospettano nuove uscite per 3DS e Wii, con avventure da brivido e stravaganti sfide a ritmo di musica, oltre a un nuovo aggiornamento di sistema, con la speranza di sollevare questa difficile situazione in cui è piombata la Nintendo.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Economia

      Gli operai degli appalti continuano a presidiare la centrale Enel di Cerano

    • Economia

      Emiliano e i sindaci no Tap: spostare il gasdotto nei territori "già compromessi"

    • Economia

      La proposta della Regione e dei sindaci no Tap è irricevibile e lacerante

    • Incidenti stradali

      Sbaglia manovra e si ritrova in fondo a una scarpata: miracolata una donna

    I più letti della settimana

    • Licenziamenti al cambio di appalto: operai imprese in lotta a Cerano

    • La proposta della Regione e dei sindaci no Tap è irricevibile e lacerante

    • Gli operai degli appalti continuano a presidiare la centrale Enel di Cerano

    • Dopo il taglio del volo serale da Roma , "contentino" da Ryanair

    • Emiliano e i sindaci no Tap: spostare il gasdotto nei territori "già compromessi"

    • Centrale Enel: "Produzione in calo, preoccupati per la tenuta occupazionale"

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento