Brindisi, stagnazione aeroporto: più 0,7 nel primo quadrimestre 2019

Il dato progressivo dei passeggeri su base 2018. In attesa di segnali migliori dai prossimi mesi, la politica deve riflettere

BRINDISI – C’era qualcosa che mancava, nel report di Aeroporti di Puglia sul trend di crescita dei due scali pugliesi, il Karol Wojtyla di Bari e l’Aeroporto del Salento di Brindisi. Qualcosa la cui non considerazione potrebbe anche porre all’attenzione della politica una situazione che non è quella effettiva, e questo perché non era incluso nelle statistiche, che anche la nostra redazione ha ricevuto, il dato progressivo dei passeggeri.

Affinché l’informazione non risulti parziale, bisogna considerare anche questa parte dei numeri sul traffico. Ieri 5 giugno avevamo già scritto che Assoaeroporti, l’associazione italiana che riunisce i gestori degli scali italiani, indicava una tendenza di crescita dell’aeroporto di Brindisi nei primi cinque mesi del 2019 inferiore alla tendenza finale del 2018. Ma la situazione, nel dato progressivo, è addirittura peggiore. L’aeroporto di Brindisi nei primi quattro mesi del 2019 (non è ancora disponibile sul sito di Assoaeroporti il dato statistico di maggio) registra una crescita del traffico passeggeri solo dello 0,7 per cento al cospetto di una media nazionale del 5,1 per cento (Bari, per restare nel perimetro di Aeroporti di Puglia, ha segnato nel periodo gennaio-aprile 2019 una crescita del 14.5).

Il comunicato di AdP su maggio 2019

Disaggregando, nel primo quadrimestre 2019 (sempre su base 2018) l’Aeroporto del Salento ha segnato il -2,8 per cento nei voli nazionali, il +17 in quelli internazionali dei quali una percentuale del +12,6 sono passeggeri Ue, oltre alla Svizzera. Insomma, Brindisi ristagna ma non decolla, almeno nel primo quadrimestre dell’anno in corso. Vedremo, poi, quale sarà il trend aggiungendo maggio. Siamo anche qui prossimi ad aggrapparci alla teoria dello “zero virgola”? Speriamo di no. Va comunque ricordato che nel 2018 per un mese circa su Brindisi sono stati dirottati parte dei voli di Bari, per lavori alle piste del Karol Wojtyla, e che il dato finale dell'anno scorso quindi ne è stato influenzato.

Aeroporto del Salento Brindisi_piazzale-2

La politica brindisina, comunque, le amministrazioni locali con aspirazioni turistiche, il mondo delle imprese, i tour operator, già preoccupati, si immagina, dallo studio pubblicato da IlSole24Ore che calcola una perdita del 13 per cento di fatturato e dell’11 per cento di presenze turistiche italiane nel 2019 in Puglia (articolo che ha indotto l’assessora regionale Loredana Capone a dichiarare che si tratta solo di previsioni), dovrebbero interessarsi per tempo anche ai numeri dell’aeroporto che serve l’area tra Leuca, Ginosa e Brindisi.

In Italia, del livello della performance di Brindisi, o con segno negativo, nel progressivo passeggeri ci sono solo Alghero (+1,5), Brescia (+1,1), Cuneo (-13,4), Foggia (-47,5), Grosseto (-18,3), Lampedusa (-8,4), Milano Linate (-4,2), Olbia (-0,6), Pisa (1.2), Rimini (-5,3), Roma Ciampino (-0,8), Torino (+0,8). Linate è chiuso per lavori, in Sardegna ci sono grossi problemi con Ryanair.

Cosa aveva scritto nel suo comunicato sui dati del primo quadrimestre 2019 Aeroporti di Puglia? Riportiamo integralmente: “Aeroporti di Puglia rende noto che nel periodo gennaio – aprile di quest’anno i passeggeri in arrivo e partenza sugli aeroporti di Bari e Brindisi sono stati 2.152.000, in crescita del +9,8 % rispetto allo stesso periodo del 2018. La linea internazionale, con oltre 687 mila passeggeri, cresce del +17,5%, mentre il dato riferito alla linea nazionale, con 1,450 milioni di passeggeri registra un +6,5%. Nel periodo in esame i passeggeri su Bari sono stati 1,48 milioni (+14,5%) e 670mila su Brindisi, dei quali 140.000 riferiti a voli di linea internazionale (+17,3%)”.

“Il risultato dei primi quattro mesi 2019 beneficia dell’ottimo andamento del mese di aprile che, complessivamente, con 661mila passeggeri ha registrato su Bari e Brindisi un incremento del 9,7% del traffico. In particolare si segnala l’incremento del 20,2% delle linee internazionali, determinato dal +17,4% (195mila passeggeri) di Bari e dal +30,5% (59mila passeggeri) di Brindisi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Sorpreso in piazza con 21 grammi di cocaina: arrestato brindisino

  • Commedia per il cinema girata fra Cisternino e Ceglie Messapica

Torna su
BrindisiReport è in caricamento