Fitto contro Marino: "Inaccettabile la presenza dell'uomo Enel"

Raffaele Fitto, leader dei Conservatori e Riformisti (CoR), a Brindisi per sostenere il candidato alle primarie della coalizione dei moderati Pietro Guadalupi

Da sinistra a destra: Ciracì, Marco Pezzuto, Raffaele Fitto, Pietro Guadalupi, Vittorio Zizza

BRINDISI - Raffaele Fitto, leader dei Conservatori e Riformisti (CoR), a Brindisi per sostenere il candidato alle primarie della coalizione dei moderati, Pietro Guadalupi. L’ex delfino di Berlusconi arriva con qualche decina di minuti di ritardo davanti l’hotel brindisino scelto per la serata, ma subito, fermato dai numerosi giornalisti presenti, mette le carte in tavola: “Credo in Pietro, sarebbe un ottimo sindaco, a dispetto della sua età può già vantare una discreta esperienza politica. Potrebbe diventare il sindaco più giovane mai eletto a Brindisi” - dichiara Fitto, lui si con un record simile alle spalle, essendo stato, nel 2000, il più giovane presidente di Regione italiano.Fitto per Guadalupi 1-2

Ma, naturalmente, le belle parole per il giovane Guadalupi non hanno occupato interamente il breve discorso di Fitto che spara a zero contro il diretto avversario di queste elezioni municipali, Nando Marino, candidato sindaco per il Partito democratico, e le sue “amicizie pericolose”; proprio non è andata giù, infatti, la presenza, alla prima uscita pubblica del candidato Pd, del responsabile delle relazioni esterne dell’Enel, Angelo Di Giovine.

“È un fatto gravissimo - sottolinea il leader dei CoR - la presenza di un rappresentante della società energetica più importante d’Italia durante la presentazione del neo candidato alla poltrona di sindaco della città di Brindisi non può e non deve passare inosservata. Ripeto, è un fatto gravissimo al quale bisognerà dare delle risposte”.

Fitto per Guadalupi 3-2-2Questo punto ritornerà più volte durante la serata, quasi come se fosse un jolly da usare nei momenti di difficoltà, tanto da diventare un leitmotiv per chi è presente e prende la parola in sostegno del candidato Guadalupi, candidato che già ieri (6 aprile), durante la presentazione dei tre candidati alle primarie per la coalizione dei moderati, aveva riassunto i suoi obiettivi: fare il bene  della città.

Questa sera Pietro Guadalupi ha aggiunto dell’altro: “Se dovessi venire eletto sindaco di questa città saranno due gli obiettivi prioritari da raggiungere: l’università e una città smart, proiettata nel futuro. Basta col raccogliere gli scarti dell’università di Lecce e Bari, voglio creare un polo universitario all’avanguardia, un desiderio che si coniuga con l’altro mio obiettivo, quello di una città smart, intelligente, che conta su strutture come la Cittadella delle ricerche. Ecco questo è il mio sogno”.

Alla serata hanno partecipato, oltre ai già citati Raffaele Fitto e Pietro Guadalupi, volti noti dei CoR e dell’universo politico che attorno si muove; ad aprire le danze ci ha pensato Marco Pezzuto, ex Forza Italia ed ex presidente del Consiglio comunale di Brindisi, che, come una sorta di porta fortuna, a detta di Guadalupi, ha presentato il candidato ai presenti. Sono intervenuti anche il senatore Vittorio Zizza, ex Forza Italia ed ex sindaco di Carovigno, l’onorevole Nicola Ciracì, proclamato deputato proprio in seguito alle dimissioni dell’onorevole Fitto, eletto parlamentare europeo, e Vincenzo Ecclesie, ex vice sindaco durante l’Amministrazione Consales.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

  • Scu e gioco d'azzardo: arresti e sequestri sull'asse Lecce-Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento