Per “C’era una volta il jazz”, Pino Picchierri Trio da Giudamino

MESAGNE - Avvolti nella magica atmosfera del giardino delle Clarisse in piazza Commestibili nel centro storico di Mesagne Giudamino cantina presenta: Pino Picchierri Trio. “C’era una volta il Jazz”, suonare jazz tradizionale al giorno d’oggi è una scelta che può essere determinata da diverse motivazioni: il coraggio, la passione, l’incoscienza: nel caso del Pino Pichierri Trio questi elementi ci sono tutti, unitamente a una robusta dose di voglia di divertirsi, di divertire e, possibilmente, di suscitare emozioni con una musica che, pur legata ad un preciso momento della vita americana, continua a sfoderare innumerevoli potenzialità di “entertainment” (e, talvolta, anche in qualcosa di più serio) in tutto il mondo.

Nel Trio il lavoro solistico viene svolto per la maggior parte dal clarinetto e dal sax soprano di Pino Pichierri, sulla base ritmico-armonica fornita dal Tenor Banjo di Renzo Bagorda e dal contrabbasso di Gianpaolo Chiarella.

Il repertorio, formato in massima parte da standards del jazz tradizionale,  spazia anche in altri ambiti; per cui ad alcuni classici di Gershwin ed Ellington si affiancano anche temi di famose colonne sonore dei film e dei musical e rivisitazioni  di brani provenienti dalla canzone francese e italiana degli anni ’40 e ’50. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Parte il nuovo format dal Presidio del Libro “Terre del Negramaro”: primo ospite Annibale Gagliani

    • Gratis
    • 27 ottobre 2019
    • birreria Li Turchi
  • Festival “Tempeste, immagini, suoni, racconti dal Mediterraneo”

    • Gratis
    • dal 21 settembre al 31 ottobre 2019
  • Da Picasso agli artisti contemporanei: opere su carta

    • dal 10 al 31 ottobre 2019
    • Museo Ribezzo
  • “L’Universo orrendo”: serata in onore di Pier Paolo Pasolini

    • 2 novembre 2019
    • castello
Torna su
BrindisiReport è in caricamento