"0831" anche per chi non è di Brindisi

BRINDISI – L’operazione è ancora in parte coperta dal “segreto industriale” e chi ha visto non deve dire per ora troppo. “0831 Advertising Space” è un nuovo tipo di locale che si colloca in un network nazionale preciso, quello della scoperta e del lancio di nuovi talenti grazie al collegamento con Gallery Records, e quello dei locali dove il video intrattenimento è miscelato con altre opzioni che vanno da un particolare genere di musica, al cabaret, agli eventi culturali, da seguire seduti consumando finger food (che magari a Barcellona chiamerebbero tapas), oppure ballando al centro di maxischermi dove passano anche clip pubblicitari mirati. Per i promotori dell’iniziativa, “0831” è addirittura unico.

Nicola Cozzoli e Antonio Rollo fuori dal locale

BRINDISI – L’operazione è ancora in parte coperta dal “segreto industriale” e chi ha visto non deve dire per ora troppo. “0831 Advertising Space” è un nuovo tipo di locale che si colloca in un network nazionale preciso, quello della scoperta e del lancio di nuovi talenti grazie al collegamento con Gallery Records, e quello dei locali dove il video intrattenimento è miscelato con altre opzioni che vanno da un particolare genere di musica, al cabaret, agli eventi culturali, da seguire seduti consumando finger food (che magari a Barcellona chiamerebbero tapas), oppure ballando al centro di maxischermi dove passano anche clip pubblicitari mirati. Per i promotori dell’iniziativa, “0831” è addirittura unico.

Il sito è quello dell’ex cinema Eden che l’impresario e presidente del Teatro Pubblico Pugliese, Carmelo Grassi, ha ceduto in affitto. Il marchio è quello, lo spieghiamo per chi nella vita ha usato solo il cellulare, del prefisso telefonico di gran parte del territorio brindisino, mentre due dei tre soci dell’impresa – una Srl – sono il giovane regista di video musicali Nicola Cozzoli, anche amministratore unico, e Antonio Rollo, figlio di “quel Rollo” (tanto lo scoprirebbero subito perché gli assomiglia molto), ma certamente self-made perché ha studiato alla Link di Roma, dove ha stabilito che la sua materia preferita è il cabaret.

A noi interessava capire se “0831” fosse nato grazie ad una delle leggi di sostegno all’imprenditoria giovanile della Regione Puglia, ma Cozzoli e Rollo ci spiegano che i paletti fissati da queste normative non combaciavano con i tempi del loro progetto, così hanno fatto ricorso esclusivamente al credito privato trovandolo più flessibile in relazione ai loro bisogni. E le tecnologie? Per quelle si sono rivolti ad un’azienda di Rimini, mentre per le installazioni e le altre forniture hanno pescato nel territorio, scoprendo però che non è economicissimo.

Il locale non assorderà il vicinato. Orario di apertura, dalle 20,30 alle 2 del mattino, ma la tecno è bandita, il target dei clienti è over 25, la musica in tono e contenuta dall’insonorizzazione originaria della sala cinema: jazz, soul, blues, rock anni Ottanta e Novanta, rigorosamente live per due serate la settimana. “0831” è polivalente. Gli adolescenti non sono sgraditi, ma per loro meglio il matineé di domenica. Dal giovedì alla domenica sera il locale sarà solo per la musica, il ballo e il cabaret, due serate con esibizioni collegate o meno al circuito Gallery Records, e due con dj. Ovviamente si ballerà. Ma la sala potrà ospitare festival di cortometraggi, eventi aziendali, seminari, raduni, il lungo e ampio corridoio anche mostre. Dal lunedì al mercoledì incluso l’ex cinema Eden coprirà questo ruolo. Gli investimenti richiedono il massimo utilizzo degli impianti, of course.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo è tutto, folks. Altro non si può dire, di tale connubio tra musica, intrattenimento e pubblicità (ovviamente non del macellaio dietro l’angolo). Si sarebbe dovuto aprire a metà novembre, ma le cose con le verifiche previste per i pubblici locali non seguono vie brevi. Il locale è in parte ancora un piccolo cantiere per gli ultimi ritocchi. Intanto Nicola Cozzoli, che sarà anche l’art director con propositi di contaminazioni importate direttamente dagli Usa, dove ha lavorato per un certo periodo, ha già avviato su Facebook il tam-tam per il casting di giovani artisti in cerca di lancio. Non resta che aspettare l’apertura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Mesagne, un tuffo nel blu: quando l’asfalto si fa tela

Torna su
BrindisiReport è in caricamento