Lungomare, i reperti saranno valorizzati

BRINDISI - I lavori sul lungomare Regina Margherita, che hanno riportato alla luce settori di antiche opere, saranno attentamente monitorati e proseguiranno, mentre parallelamente andranno avanti anche le indagini di carattere storico, con appositi scavi. Lo fanno sapere oggi con una nota congiunta il Comune di Brindisi e la Soprintendenza archeologica di Taranto.

Gli scavi sul lungomare qualche mese fa

BRINDISI - I lavori sul lungomare Regina Margherita, che hanno riportato alla luce settori di antiche opere, saranno attentamente monitorati e proseguiranno, mentre parallelamente andranno avanti anche le indagini di carattere storico, con appositi scavi. Lo fanno sapere oggi con una nota congiunta il Comune di Brindisi e la Soprintendenza archeologica di Taranto.

"Il Comune e la Soprintendenza per i beni archeologici di Taranto in data odierna hanno svolto un incontro tecnico per la verifica dell’andamento dei lavori di riqualificazione urbana del lungomare Regina  Margherita, dove, appena al di sotto del basolato stradale, sono riemerse le cisterne della fine del 1700, già intercettate e documentate nel 1920  e successivamente nel 1980", spiega il comunicato congiunto.

"Sono, inoltre, state evidenziate altre fondazioni murarie di età tardomedievale e canalizzazioni riferibili alla 'fontana dei delfini',  ora posta in Piazzetta Vittorio Emanuele. Nel corso dell’incontro si è programmato di procedere, secondo la metodologia archeologica, nell’intervento di documentazione di quanto sinora venuto alla luce e delle strutture murarie affioranti nella restante area nella quale è stato già asportato il basolato", prosegue la nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Contemporaneamente l’impresa esecutrice proseguirà, con controllo archeologico, negli interventi previsti in appalto per la sostituzione della rete fognante esistente, senza interferire con l’attività archeologica. Sulla base delle risultanze dell’intervento archeologico - annunciano Comune e Soprintendenza -  l’Amministrazione Comunale e la Soprintendenza valuteranno le soluzioni più idonee per la valorizzazione di quanto emerso nel contesto dell’appalto in corso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

Torna su
BrindisiReport è in caricamento