“Punti di fuga” di Giuseppe Pavone: inaugurazione mostra a palazzo Nervegna

  • Dove
    Palazzo Granafei-Nervegna
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 13/09/2019 al 13/09/2019
    18,30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

BRINDISI - Si inaugura venerdì 13 settembre 2019 alle ore 18,30 presso Palazzo Granafei-Nervegna di Brindisi via Duomo,  la mostra Punti di fuga di Giuseppe Pavone. La mostra fotografica è stata già esposta alla Domus Milella (ex Palazzo Gironda) di Bari, a Villa Onigo di Trevignano (TV) e a Palazzo Tupputi di Bisceglie. Intervengono Riccardo Rossi, sindaco di Brindisi, Dino Borri, urbanista e Enzo Velati critico d’arte.

Nell’occasione sarà presentato il volume Punti di fuga: immagini che raccontano il paesaggio italiano fotografato dai finestrini dei treni delle Ferrovie dello Stato. Testi di Dino Borri e Enzo Velati. 

Dal 13 al 30 settembre 2019 Palazzo Granafei-Nervegna, via Duomo Brindisi.

Info orari: tutti i giorni da lunedì a domenica ore 8,30 – 20,30

 Per informazioni:  pinoart55@libero.it

tel 339.32.33.162

Profilo dell’opera

Immagini che raccontano il paesaggio italiano fotografato dai finestrini dei treni delle Ferrovie dello Stato.

Nascono dallo sguardo libero sul mare, gli alberi, gli attraversamenti stradali, i sentieri, i fiumi, le strade, le campagne, le periferie, gli edifici urbani e quelli industriali, i ponti e i viadotti, i pali e i tralicci. In realtà l’autore, a partire dagli anni novanta, ha cercato di documentare in maniera analitica parte del nostro territorio sempre alla ricerca di nuovi luoghi; ma esiste un paesaggio nuovo o mai visto? O è semplicemente un paesaggio da guardare con occhi diversi?

…Un paesaggio visto dinamicamente, che non può essere contemplato con lo spirito del turista, ma che nasce da uno sguardo, per così dire, in fuga…Il dialogo tra il primo piano sfumato e la nitidezza all’orizzonte sottolinea che il nostro vedere è sempre relativo…La certezza della prospettiva ad unico punto di fuga si disgrega e si moltiplicano i dettagli visivi che il nostro sguardo insegue. Non è immediata la riflessione che il paesaggio non è affatto in fuga, e che in realtà è il fotografo con la sua camera che viene “mosso” dal treno che lo ospita… (Vincenzo Velati)

….A Castiglion Fiorentino di sera sull’oscuro del cielo al tramonto una lampada della carrozza si riflette come una luna…Tra Orvieto e Terni un paesaggio con cipressi verde, giallo, marrone e azzurro fa pensare a Corot o ai Macchiaioli….Ma il viaggio è lungo e intrigante. Ogni pezzo di paesaggio è un pezzo di vita che fugge, forse per non ritornare, mentre i toponimi anche si rincorrono, in una identità rafforzata dal viaggio in ferrovia con le sue innumerevoli e fuggevoli tappe... (Dino Borri)

Autore

Giuseppe Pavone (Bari, 1955), ingegnere, si occupa di fotografia di paesaggio. Ha pubblicato diversi libri tra cui Ferrovieri e immagini, 2002; Sguardi oltre, 2003; Viaggio parallelo, 2005; Lavori in corso, 2006; La luce del paesaggio, 2011; Un racconto dei luoghi, 2012; Herbarium, 2016. Fondatore del Centro Ricerche per la Fotografia Contemporanea, dal 2005 conduce un’organica ricerca sul territorio e le sue trasformazioni, con particolare attenzione alle periferie.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Gianni e Pierino: la scuola di Lettera a una professoressa”: mostra sulla fondazione di don Milani

    • dal 7 al 21 febbraio 2020
    • Castello Imperiali

I più visti

  • Torna il "Carnevale di Torre Santa Susanna", settima edizione

    • Gratis
    • dal 16 al 25 febbraio 2020
  • Brindisi: torna il "Carnevale in festa" al rione Sant'Elia

    • Gratis
    • 22 febbraio 2020
    • Laboratorio Urbano Movimenti
  • Il teatro è servito: la programmazione del Kopò

    • dal 12 ottobre 2019 al 10 maggio 2020
    • Teatro Kopó Brindisi
  • Tour di spettacoli a Brindisi con il Performing Arts Festival, prima edizione

    • dal 28 novembre 2019 al 26 aprile 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento