menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

Verdi: niente più abbonamenti gratuiti

BRINDISI - Il cartellone 2012/2013 del Nuovo Teatro Verdi sarà presentato la prossima settimana, ma possiamo già anticipare una novità, se non artistica, quanto meno organizzativa: da quest'anno non ci saranno più abbonamenti gratuiti per rappresentanti istituzionali, assessori, consiglieri e varia umanità.

Teatro Verdi, il parterre

BRINDISI - Il cartellone 2012/2013 del Nuovo Teatro Verdi sarà presentato la prossima settimana, ma possiamo già anticipare una novità, se non artistica, quanto meno organizzativa: da quest'anno non ci saranno più abbonamenti gratuiti per rappresentanti istituzionali, assessori, consiglieri e varia umanità.

Perfino sindaco e presidente della Provincia, che sono rispettivamente presidente e vicepresidente della Fondazione Nuovo Teatro Verdi, pagheranno l'abbonamento. La novità l'ha annunciata oggi il primo cittadino, Mimmo Consales, durante l'incontro tra la società Calcio Brindisi e i suoi potenziali sponsor. «Abbiamo deciso di cancellare tutti i tagliandi gratuiti. In questo periodo è necessario dare un segnale, e anche io sottoscriverò il mio abbonamento».

Il cartellone sarà presentato martedì o mercoledì prossimi. In questi giorni il consulente della Fondazione, Carmelo Grassi, sta lavorando alla stesura definitiva del programma.

Potrebbe interessarti


Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su