Tra collezione d’arte e musica, visita guidata a palazzo Nervegna

BRINDISI - Una visita guidata alla collezione di opere dedicata al Tempietto di San Giovanni al Sepolcro e la forza interpretativa e il suono coinvolgente e passionale della fisarmonica del M° Vincenzo De Nitto. Ha per titolo «Il Tempietto negli occhi di chi guarda» il nono appuntamento della rassegna di visite guidate presso Palazzo Granafei-Nervegna: venerdì 20 settembre, con inizio alle ore 19, presso l’Infopoint del Palazzo di via Duomo. La partecipazione è gratuita con prenotazione al T. 0831 229 784 (oppure 342 1013 149).

Il tema della nona visita è dunque un gioiello della città di Brindisi: il Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, monumento simbolo della città adriatica in epoca medievale, un luogo di congiunzione tra Brindisi e l’Oriente cristiano nella perfetta corrispondenza tra la pianta di San Giovanni al Sepolcro e l’Anastasis di Gerusalemme. Un universo di simboli cristiani e non, tra architravi, stipiti e portali, il tempietto è come un libro che racconta. Non c’è turista, cittadino o passante che non sia catturato dalla sua bellezza, ragion per cui gli artisti che esponevano nella galleria «Il Tempietto» dei coniugi Giuseppe e Maria Vescina, ne restavano affascinati e nessuno escluso erano catturati dalla «bellezza e dalla lunga storia delle sue pietre, dal protiro delicato, dai solidi leoni, nessuno che non fosse tentato dal fissarlo a matita o a olio, en plein air o nello studio. Nacque così una raccolta di ‘operine’ del cuore che non vogliamo tenere per noi o dividere, ora che siamo anziani, e per i nostri figli e nipoti desideriamo che esse restino qui a Brindisi, in dono alla città dove sono nate».

Così Giuseppe e Maria Vescina donano nel giugno 2018 al Comune di Brindisi una raccolta di 50 opere d’arte contemporanea. La collezione ha la sua peculiarità nel fatto che tutte le opere hanno come soggetto il Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, edificato tra l’XI ed il XII secolo, situato a pochi passi dalla storica sede della galleria. Avenali, Bertolini, Bodini, Kokocinski, Zanetti-Righi, Ferroni, Armodio, Marzano, Carron, Modica, Pompa, Cattaneo sono solo alcuni degli artisti che hanno regalato una vera e propria celebrazione al monumento medievale della città di Brindisi. La visita guidata alla collezione sarà arricchita dalla performance musicale del M° Vincenzo De Nitto e dalla sua fisarmonica che eseguirà brani, tra classici, tango e musica da film, ispirati all’idea della bellezza più limpida e vera.

L’iniziativa fa parte di un’attività di animazione on-site che la Regione Puglia, con la partecipazione del Comune di Brindisi, ha promosso per qualificare e potenziare il servizio di informazione e accoglienza turistica svolto dagli uffici Infopoint turistici della rete regionale e, di conseguenza, garantire ai turisti una maggiore qualità e omogeneità dei livelli dei servizi offerti al pubblico, dal mese di luglio fino al 31 ottobre.

L’appuntamento con la visita guidata e il concerto solistico di fisarmonica è alle ore 19 di venerdì 20 settembre presso l’Infopoint di Palazzo Granafei-Nervegna, in via Duomo 20, a Brindisi. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria al T. 0831 229 784 - 342 1013 149.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Gianni e Pierino: la scuola di Lettera a una professoressa”: mostra sulla fondazione di don Milani

    • dal 7 al 21 febbraio 2020
    • Castello Imperiali

I più visti

  • Torna il "Carnevale di Torre Santa Susanna", settima edizione

    • Gratis
    • dal 16 al 25 febbraio 2020
  • Brindisi: torna il "Carnevale in festa" al rione Sant'Elia

    • Gratis
    • 22 febbraio 2020
    • Laboratorio Urbano Movimenti
  • Il teatro è servito: la programmazione del Kopò

    • dal 12 ottobre 2019 al 10 maggio 2020
    • Teatro Kopó Brindisi
  • Tour di spettacoli a Brindisi con il Performing Arts Festival, prima edizione

    • dal 28 novembre 2019 al 26 aprile 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento