Tarraxinha: il volto sensuale della kizomba

    Tarraxinha o Tarraxa è la neonata delle danze afro in quanto è la più giovane della stirpe diffusasi a partire del 1985. La musica utilizzata, rispetto alla kizomba, ha un aspetto più tecnologico in quanto viene prodotta e arricchita dai potenti mezzi delle consolle e varie attrezzature in uso dai moderni dj.

    Questo ne ha permesso una più larga diffusione in quanto è una musica più orecchiabile e da ascoltare piacevolmente  in auto o in qualsiasi altro ambiente. Qualche brano che posso consigliare è "Tarraxinha Proibida"  "Chiquinha Tarraxinha ", "Nao me Tarraxa" , "Tarraxa ma mi",  "Nào Para",  Yudi Fox ft Nelo - "So Quero Tarrachar", Dj Paparazzi feat C4 Pedro - "Nao quero ficar" o la mitica "Me cuia buè" di G-Amado.

    Il termine tarraxinha significa "piccola vite in un bullone" e già questa fa intendere che è un ballo che si svolge a stretto contatto con il partner seppur mantenendo alcune piccole distanze pertanto non è adatto a chi ha problemi a star molto vicino. Si balla principalmente sul posto e il focus non è sui pochi passi quanto sul movimento dei due corpi che danno l'impressione di essere uno solo, armonicamente. Principale è il movimento del bacino chiamato banga per gli uomini e ginga per le donne che in lingua angolana Kimbundu vuol dire "vanità", termine originario dalla regina "N'zinga M'bandi" del regno di Angola (N'gola divenuta Angola, N'zinga divenuta ginga).

    Tarraxinha-3

    Ginga è quindi il movimento del bacino ritmico e coordinato che interpreta la musica divenendo così nella tarraxinha uno stile proprio di danza: la vanità del movimento. Come in molte danze di coppia, l'uomo è la cornice e la donna è il quadro, quindi il ginga, che deve essere eseguito sulla musica attraverso l'utilizzo di ben determinate geometrie, è fondamentale cosi come lo studio della tecnica che purtroppo non è possibile apprendere da Youtube cosi come molte di queste informazioni che si possono apprendere solo stando a contatto e studiando presso i migliori maestri angolani.

    Ovviamente la tecnica non deve deprivare il movimento di quella spontaneità che la donna deve riuscire a tirar fuori utilizzando i mezzi giusti cercando di esprimere la sua sensualità senza eccedere nella volgarità.

    Riassumendo la tarraxinha è considerata una danza "sensuale" combinata con passi di kizomba dove due corpi sono connessi armonicamente; nella ritmica di questa danza è fondamentale il movimento dell'anca, Il ginga e le sue geometrie.

    Per chi volesse avvicinarsi a questa danza e alle danze afro come semba e kizomba l'appuntamento è a San Vito dei Normanni presso Latin Gold (locale per serate e feste) strada per Francavilla Fontana, domenica 23 aprile ore 18,15, dove vi attenderanno Vittorio e gli Amici della Kizomba. Iniziativa Africando (info email: vtrius@libero.it - Facebook: pagina Africando Kst). (Vittorio Errico)

    Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



    Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

    Commenti

      Potrebbe Interessarti

      • Sagra del panzerotto a Torre Santa Susanna

        • 24 giugno 2017
        • Scuola elementare
      • Al "Braico" lo Sport Village, con le vecchie glorie della Serie C

        • dal 1 giugno 2018 al 1 agosto 2014
        • parco Cesare Braico
      • “Sapori del Mediterraneo” tra gusto e grandi spettacoli quattro giorni di eventi

        • da domani
        • Gratis
        • dal 23 al 26 giugno 2017
        • piazzale antistante il Monumento al Marinaio

      I più visti

      • Sagra del panzerotto a Torre Santa Susanna

        • 24 giugno 2017
        • Scuola elementare
      • Al "Braico" lo Sport Village, con le vecchie glorie della Serie C

        • dal 1 giugno 2018 al 1 agosto 2014
        • parco Cesare Braico
      • “Sapori del Mediterraneo” tra gusto e grandi spettacoli quattro giorni di eventi

        • da domani
        • Gratis
        • dal 23 al 26 giugno 2017
        • piazzale antistante il Monumento al Marinaio
      • I sapori del Mediterraneo. Quinta edizione tra gusto, convivialità, musica e grandi sfide

        • da domani
        • dal 23 al 26 giugno 2017
        • piazzale antistante il Monumento al Marinaio
      Torna su
      BrindisiReport è in caricamento